PARRANO 26 e 27 aprile, LINGUE MUTE – POETI CONTRO LA GUERRA



Lingue mute, Poeti contro la guerra, fortemente voluto dal Comune di Parrano, è un progetto di Luigia Sorrentino con Alessandro Anil e Fabrizio Fantoni.

 

È l’appello alla pace rivolto ai potenti del mondo. Raccoglie le voci di poeti italiani, e, sullo sfondo, le voci di poeti ucraini e russi contemporanei, ma anche quelle dei loro padri che hanno scritto poesie memorabili dall’esilio o dalla loro patria in guerra. Il poeta è l’interlocutore più efficace per interpretare il significato più profondo della catastrofe causata dall’insensatezza degli uomini. Nessuno più del poeta può raccontare l’orrore della guerra quando questa coincide con la sua presenza nella Storia.

La manifestazione promossa dal Comune di Parrano (Terni) in collaborazione con i Comuni di Fabro, Ficulle, Monteleone d’Orvieto e San Venanzo e  Istituto Omnicomprensivo Raffaele Laporta si terrà il 26 e il 27 aprile 2022 a Parrano, in provincia di Terni, nella chiesa di Santa Maria Assunta in Piazzetta Gaio Fratini. 


Partecipano alle letture i poeti: Annelisa Alleva, Alessandro Anil, Stefano Bottero, Alberto Bertoni, Gisella Blanco, Maria Borio,  Claudio Damiani, Moira Egan, Laura Guadagnin, Paolo Fabrizio Iacuzzi, Franca Mancinelli, Sacha Piersanti, Umberto Piersanti, Laura Ricci, Luigia Sorrentino.

 

Al pianoforte musiche originali del maestro Angela Ciampani.

 

Le letture dei poeti non seguiranno l’ordine alfabetico, ma un ordine scelto dai curatori affinché ci sia un discorso poetico compiuto attraverso ciascuna lettura.

Tutti i poeti, all’inizio o alla fine della loro esibizione, saranno invitati a leggere preferibilmente un testo di un poeta ucraino o russo di loro preferenza.

Una vasta scelta di testi di poeti ucraini e russi è pubblicata in rete sul blog Poesia, di Luigia Sorrentino, il primo blog della Rai dedicato alla Poesia nella sezione

Poesie contro la guerra”. Link: https://www.luigiasorrentino.it  

Si ringraziano il parroco di Parrano don Mario Cecci, la Scuola di Musica Adriano Casasole di Orvieto, l’ Unicoop Tirreno di Fabro Scalo, l’ARCI Umbria per la collaborazione e La Capretta, Il Poggiolo, Borgo Consapevole, Terra di Lei, Il Colombaio e i cittadini di Parrano per aver messo a disposizione strutture e case per l’ospitalità