Affidamento in concessione del servizio di trasporto verso i mercati locali di Fabro e il Mercato Contadino di Parrano.

 

     COMUNE DI PARRANO

 

      PROVINCIA DI TERNI

 

 

 

 

 

Oggetto: Avviso sui risultati della procedura di affidamento. CIG: Z232CDDAD9

 

 

Amministrazione Aggiudicatrice: Comune di Parrano – via XX Settembre, 1 05010  PARRANO (TR).

Oggetto: Affidamento in concessione del servizio di trasporto verso i mercati locali di Fabro e il Mercato Contadino di Parrano.

Importo di aggiudicazione: € 29.910,00.

Procedura: Affidamento diretto art.36 comma 2 lett.a) D.Lgs 50/2016.

Soggetti invitati: All’avviso di manifestazione di interesse, rispondeva solo la Società F.lli Fabiani srl;

Affidatario: Società F.lli Fabiani srl unipersonale

Data affidamento: determina dirigenziale n. 177 del 05/05/2020;

Motivazione della scelta: E’ la sola ad avere manifestato interesse alla gara.

Subappalto: –

Organismo responsabile delle procedure di ricorso: Tribunale Amministrativo Regionale dell’Umbria, via Baglioni 3-06121 Perugia

 

 

 

 

Parrano (TR), 05.05.2020

 

                                                                                                                 Il Sindaco

                                                                                                          Valentino Filippetti

Festa della Terra 2020

Parrano Biodiversa – Festa della Terra 2020

Oggi saremmo stati tutti insieme, spensierati, per festeggiare l’evento Parrano Biodiversa-un luogo da vivere.Avremmo celebrato “ la festa della terra” come ogni 3 maggio.Lo facciamo da casa, dai nostri giardini, dai nostri orti. Anche se non possiamo stare insieme, possiamo ammirare le bellezze del nostro piccolo borgo.Le strade, le pietre, i boschi. La biodiversità che rende Parrano unica, non solo per le sue ricchezze naturali, ma anche e soprattutto per la cultura della sua gente. Cittadini semplici, che con il loro grande senso di responsabilità e impegno hanno permesso che non si diffondesse il coronavirus. Nel nostro borgo non c’è stato nessun caso di covid 19.Grazie ai cittadini e grazie al l’eccezionale patrimonio di acqua limpida, aria pulita e terra fertile. E queste sono le basi su cui tutti insieme ci stiamo impegnando nella costruzione di Parrano Borgo del III millennioGrazie alla nostra scuola, alle associazioni del paese.Grazie a chi ha accettato il nostro invito e la nostra sfida, Paolo, Nicola, Marcello, Piero, Antonio, Federico.Sappiamo che niente sarà piu come prima ma che qui, a Parrano si puo iniziare a costruire qualcosa di nuovo

Pubblicato da Comune di Parrano su Domenica 3 maggio 2020

PARRANO, ordinanza chiusura Cimiteri

 

     COMUNE DI PARRANO

 

                                              PROVINCIA DI TERNI

 

Numero Registro Generale n.8 del 2-05-2020

 

Prot.  1858  del 02.05.2020

 

ORDINANZA SINDACALE

 

 

OGGETTO: CHIUSURA AL PUBBLICO – FINO AL TERMINE DELLA EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA – DEI  CIMITERI COMUNALI (Parrano e Frattaguida).

 

 

 

Visti i seguenti provvedimenti, attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all’emergenza sanitaria internazionale:

  • Dpcm 1 aprile 2020 – Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (GU Serie Generale n.88 del 02-04-2020);
  • Decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19 – Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.79 del 25-03-2020);
  • Decreto del Ministro dello Sviluppo economico 25 marzo 2020 – Modifiche al Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 22 marzo 2020 (in corso di pubblicazione in GU);
  • Dpcm 22 marzo 2020 – Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (GU Serie Generale n.76 del 22-03-2020);
  • Ordinanza del Ministro della Salute e del Ministro dell’Interno 22 marzo 2020 – Ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale. (in corso di pubblicazione in G.U.);
  • Ordinanza del Ministro della Salute 20 marzo 2020 – Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (G.U. Serie Generale n.73 del 20-03- 2020);
  • Decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18 #CuraItalia – Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. (G.U. 17 marzo 2020);
  • Circolare del Ministero dell’Interno 14 marzo 2020 – Precisazioni riguardanti l’apertura dei mercati e dei centri commerciali nei giorni prefestivi e festivi.
  • Dpcm 11 marzo 2020 – Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (G.U. Serie Generale n. 64 del 11/03/2020);
  • Dpcm 9 marzo 2020 – Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (G.U. Serie Generale n. 62 del 09/03/2020);
  • Decreto-legge 9 marzo 2020, n. 14 – Disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-19. (GU Serie Generale n.62 del 09-03-2020);
  • Dpcm 8 marzo 2020 – Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (GU Serie Generale n.59 del 08-03-2020); • Direttiva del Ministro dell’interno n. 14606 del 08/03/2020 destinata ai Prefetti per l’attuazione dei controlli nelle “aree a contenimento rafforzato”;
  • Decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9 – Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 (GU Serie Generale n.53 del 02-03-2020);
  • Dpcm 25 febbraio 2020 – Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.47 del 25-02-2020);
  • Decreto Legge 23 febbraio 2020, n. 6 recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19” nel testo coordinato con la Legge di conversione 5 marzo 2020, n. 13 pubblicato sulla G.U. Serie Generale n.61 del 09-03-2020;
  • Delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020 – Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. (GU Serie Generale n.26 del 01-02-2020);
  • Ordinanza del Ministro della salute 30 gennaio 2020 – Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 – nCoV) (GU Serie Generale n.26 del 01-02-2020).

Verificato, in particolare, che, le disposizioni previste dai citati DPCM prevedono che “sull’intero territorio nazionale è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici e aperti al pubblico”.

 Preso atto – che il Dpcm 1 aprile 2020 pubblicato sulla GU Serie Generale n.88 del 02-04- 2020) proroga fino al 13 aprile 2020 l’efficacia delle disposizioni dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8, 9, 11 e 22 marzo 2020, nonchè di quelle previste dall’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 e dall’ordinanza del 28 marzo 2020 adottata dal Ministro della salute di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. – della nota della Regione Umbria prot. 2796 del 24/04/2020 con allegata la circolare del Ministero della Salute prot. 0023470 del 10/04/2020 che precisa con apposite indicazioni connesse ad epidemia COVID19 riguardante il settore funebre, cimiteriale e di cremazione;

Considerato che al punto G. della circolare del Ministero della Salute prot. 0023470 del 10/04/2020 si precisa al punto 1 che i cimiteri vanno chiusi al pubblico per impedire le occasioni di contagio dovute ad assembramenti di visitatori.

Rilevato che la citata normativa emergenziale pone, come obiettivo di carattere generale il distanziamento sociale, ossia il divieto di formarsi di assembramenti di persone e, più in generale, il contrasto di ogni occasione di possibile contagio che non sia riconducibile a esigenze specifiche o ad uno stato di necessità.

Valutato che all’interno dei due Cimiteri comunali (Parrano e Frattaguida) potrebbero verificarsi

assembramenti di visitatori dopo l’apertura alla mobilità regionale dopo il 4 maggio..

Ritenuto, quindi, di disporre la chiusura al pubblico dei cimiteri comunali FINO fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019, ovvero fino ad una data antecedente stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, garantendo, comunque l’erogazione dei servizi funebri di ricevimento, inumazione e tumulazione.

Considerato che è necessario, altresì, mettere in atto misure adeguate e conformi alla normativa e alle disposizioni citati in premessa, evitando assembramenti e nel rispetto delle disposizioni vigenti atte a ridurre il contagio, impartendo le seguenti precisazioni:  Non sono consentite cerimonie funebri e commemorative in nessuna forma e in nessun luogo.  Per ogni feretro è consentita la permanenza nella sala del commiato e nella camera mortuaria al massimo di due persone alla volta, compresi gli esecutori testamentari ai sensi dell’art.703 del Codice Civile, purché sia possibile rispettare la distanza minima di un metro tra i presenti.  Non è consentito l’accompagno del feretro né all’interno né all’esterno dei cimiteri.  Le operazioni di tumulazione o inumazione dovranno avvenire alla presenza di un solo familiare o parente, degli eventuali esecutori testamentari, degli operatori delle imprese di onoranze funebri dotati di adeguati DPI e degli operatori cimiteriali anch’essi dotati di adeguati DPI. Vista, altresì, la recentissima Circolare Ministero della Salute dell’10 aprile 2020 prot. 0023470 avente oggetto “Indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardante il settore funebre, cimiteriale e di cremazione.” affinché codeste Imprese ne prendano debita conoscenza garantendone l’immediata applicazione, in particolare si richiamano le disposizioni contenute nell’allegato 1 “Caratteristiche dei feretri e loro confezionamento”.

Visto il REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA del Comune di Parrano, adottato con Atto del Consiglio Comunale Delibera n. 16  del 8/3/1991 ;

Ritenuto necessario adottare, alla luce della Circolare Ministero della Salute del 10 Aprile 2020 prot. 0023470 – per motivi contingibili ed urgenti anche di carattere sanitario – le seguenti DEROGHE al REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA e DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI. • l’accettazione presso i cimiteri dei feretri con salme COVID-19 è consentita solo se in regola con le disposizioni dell’Allegato n. 1 della Circolare Ministero della Salute dell’10 Aprile 2020 prot. 0023470;

  • le imprese di onoranze funebri dovranno certificazione la rispondenza delle caratteristiche dei feretri e del loro confezionamento; Richiamato il comma 4, dell’art. 50, del D. Lgs, 18 agosto 2000, n. 267. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, nel territorio del Comune di Baschi. Visto l’art. 32 legge 23 dicembre 1978 n. 883 e il R.D. 27 luglio 1934 n. 1265 Testo Unico delle Leggi Sanitarie. Tutto ciò premesso e considerato, per motivi di igiene e sanità pubblica,

ORDINA

 

  1. LA CHIUSURA AL PUBBLICO – FINO AL TERMINE DELLA EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA – DEI DUE CIMITERI COMUNALI (Parrano e Frattaguida);

 

DISPONE

 

  1. CHE È CONSENTITO L’ACCESSO A TUTTI I CIMITERI COMUNALI SOLO PER LE INDIFFERIBILI ESIGENZE LEGATE ALLE OPERAZIONI CIMITERIALI PER SERVIZI FUNEBRI DI RICEVIMENTO, TUMULAZIONI, INUMAZIONI, CREMAZIONI, ESTUMULAZIONI, RIESUMAZIONI, PER LE ATTIVITÀ NECROSCOPICO-CIMITERIALI RELATIVE E PER LE ATTIVITÀ DI PULIZIA E MANUTENZIONE;

 

  1.  LE SEGUENTI DEROGHE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LE OPERAZIONI CIMITERIALI: • tutti i nuovi loculi disponibili, non concessionati, presenti nei cimiteri cittadini potranno essere utilizzati per le tumulazioni temporanee; • l’accettazione presso i cimiteri dei feretri con salme COVID-19 è consentita solo se in regola con le disposizioni dell’Allegato n. 1 della Circolare Ministero della Salute dell’10 aprile 2020 prot. 0023470; • le imprese di onoranze funebri dovranno certificazione la rispondenza delle caratteristiche dei feretri e del loro confezionamento.

 

AVVERTE

 

 Non sono consentite cerimonie funebri e commemorative in nessuna forma e in nessun luogo.  Per ogni feretro è consentita la permanenza nella sala del commiato e nella camera mortuaria al massimo di due persone alla volta, compresi gli esecutori testamentari ai sensi dell’art.703 del Codice Civile, purché sia possibile rispettare la distanza minima di un metro tra i presenti.  Non è consentito l’accompagno del feretro né all’interno né all’esterno dei cimiteri.  Le operazioni di tumulazione o inumazione dovranno avvenire alla presenza di un solo familiare o parente, degli eventuali esecutori testamentari, degli operatori delle imprese di onoranze funebri dotati di adeguati DPI e degli operatori cimiteriali anch’essi dotati di adeguati DPI.  L’inottemperanza alla presente ordinanza comporterà la segnalazione all’Autorità Giudiziaria per violazione all’art. 650 del C.P.  La Polizia Locale e le forze di polizia sono incaricati del controllo e dell’esecuzione della presente ordinanza.

 

                                                                       COMUNICA

   Che avverso la presente Ordinanza, si potrà proporre ricorso al tribunale Amministrativo Umbria nel termine di 60 giorni dalla pubblicazione ovvero Ricorso Straordinario al Capo dello Stato nel termine di 120 giorni.

 

 

                                                                                                         IL SINDACO

Parrano 2 Maggio 2020                                                      Valentino Filippetti   

 

 

“1 MaggioDigitale: il lavoro ai tempi del digitale: sfide e opportunità”

In occasione della festa dei lavoratori i Digipass dell’Umbria promuovono una maratona di eventi on-line sulle prospettive che il digitale può offrire nel campo del lavoro in termini di innovazione e competenze. L’iniziativa è organizzata dalla rete regionale dei DigiPASS che comprende Assisi, Città di Castello, Foligno, Gubbio, Media Valle del Tevere, Narni, Orvieto, Perugia e Spoleto. I talk saranno trasmessi dalle ore 10 in diretta streaming dal canale YouTube DigiPASS Umbria al seguente indirizzo: https://bit.ly/3eo0dZ7.

Gli eventi inizieranno alle ore 10 con la prima diretta del DigiPASS Assisi, alle 11 è la volta del DigiPASS Città di Castello, alle 12 il DigiPASS Foligno, alle 13 il DigiPASS di Gubbio, alle 14 il DigiPASS Media Valle del Tevere, alle 15 è la volta del DigiPASS di Narni, alle 16 il DigiPASS di Orvieto, ed a seguire gli eventi del DigiPASS di Perugia alle ore 17 e del DigiPASS di Spoleto alle 18.

Ospite del talk del DigiPASS di Orvieto delle ore 16 dal titolo “Accessibilità: il digitale tra forma e contenuto” sarà Fabrizio Caccavello, esperto di accessibilità (Web Accessibility Expert) e di creazione di interfacce accessibili intervistata per l’occasione da Vittorio Tarparelli. Da anni Caccavello, infatti, si è guadagnato una solida reputazione nell’ambito della progettazione di dispositivi e interfacce accessibili sia come singolo professionista sia in team.
Tra le sue più importanti collaborazioni ci sono: Agenzia per l’Italia Digitale, Docebo, Poste Italiane, Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), ForumPA, Regione Emilia Romagna e Comune di Firenze. L’evento online verterà sull’accessibilità intesa come caratteristica di un dispositivo, di un’interfaccia e di un servizio. Cosa deve sapere chi si occupa di accessibilità nel mondo digitale? Si cercherà di dare una risposta esaustiva a questa domanda partendo dalla filosofia e approfondendo gli strumenti e i metodi