IL 3 e 4 maggio Festa della Terra a Parrano

Anche quest’anno a Parrano si festeggia la TERRA il 3 e 4 maggio. Si parte con la tradizionale benedizione delle crocette , guarnite di giglio, olivo e candela benedetta, presso la Chiesina comunale.

I cittadini le prenderanno per metterle nei campi per l’auspicio di buoni raccolti.

Il 4 maggio ci sarà un incontro presso l’Abbazia di San Nicolò alla Badia di Ficulle.

Li inizio nel 1118 l’avventura dei Bulgarelli come Feudatari di Parrano.

Sono stati invitati gli studenti delle scuole secondarie dell’Alto Orvietano che troveranno Silvio Manglaviti, geograf0, che gli spiegherà la storia di quel sito cosi importante per il Paese.

Infatti in quella Abbazia visse e lavorò il Monaco Graziano, autore del primo diritto canonico.

 

LOTTA AGLI INCENDI , ordinanza del Comune di Parrano

Comune di Parrano

“Servizio di Polizia Municipale dei Comuni in Convenzione di Monteleone di Orvieto, Montegabbione e Parrano”

  1. Reg.Ordinanze                          del

Il Sindaco

    

-Ritenuto di dovere promuovere una campagna di sensibilizzazione per la lotta agli incendi;

     -Considerato di dovere disporre, a tutela della pubblica e privata incolumità, sicurezza urbana, del patrimonio ambientale, per prevenire fenomeni di illegalità diffusa ovvero comportamenti d’inerzia dei proprietari di terreni e conduttori di fondi, l’adozione di misure precauzionali atte ad impedire il verificarsi di incendi nel territorio Comunale;

     -Letto l’art.59 del T.U.L.P.S;

     -Vista la legge Regionale n.28/01, art 20-21-24, T.U. foreste;

     -Visto il T.U.E.L, D.Lgs 267/2000 e il D.Lgs 165/2001;

 

ORDINA

         

  -Al fine di impedire che dai terreni attigui le aree boschive e le linee ferroviarie si propaghino incendi, tutti i proprietari ed affittuari di terreni adiacenti alle aree suddette, dovranno durante la stagione estiva tenere sgombri i loro terreni fino a venti metri dai confini di cui sopra, da depositi di paglia, erbe secche o da ogni altro materiale facilmente combustibile;

     -I proprietari ed affittuari di terreni coltivati a cereali hanno l’obbligo di circoscrivere l’intero fondo,appena mietuto, con una striscia di terreno solcato dall’aratro e completamente scevro di stoppia, larga non meno di 4 metri da mantenere costantemente pulita;

     -Eguale obbligo spetta ai proprietari ed affittuari di terreni incolti e/o tenuti a pascolo;

     -E’ altresì obbligo di ripulire tutte le aree incolte ricadenti all’interno dei centri abitati o nelle immediate vicinanze, onde evitare pericoli per la pubblica incolumità ed il propagarsi di incendi ai centri abitati stessi;

     -E’ fatto obbligo di non bruciare le stoppie e quanto altro possa provocare incendi nel periodo di massima pericolosità dichiarata dalla Regione dell’Umbria;

     -I proprietari ed i possessori a qualsiasi titolo di terreni saranno ritenuti responsabili dei danni che si verificheranno per negligenza , imperizia ed inosservanza della presente ordinanza, salvo sempre l’applicazione di altre comminatorie previste per legge;

     -I Trasgressori, ove la legge non preveda sanzioni penali, saranno sanzionati ai sensi dell’art 7 bis del D.Lgs 267/2000, l’ordinanza sarà inviatya per conoscenza e quanto di competenza al Comanda stazione Carabinieri Forestali di  San Venanzo.

     -Contro la presente si potrà ricorre, entro 60 giorni dalla pubblicazione all’albo on line , al TAR dell’Umbria, per eccesso di potere, incompetenza e violazione di legge e/o con ricorso straordinario, entro 120 giorni dalla pubblicazione , al Presidente della Repubblica, per motivi di legittimità.

. Gli agenti di PS e PG sono incaricati del rispetto della presente

                                                                                        

 

                                                                                              Il Sindaco

                                               Valentino Filippetti

Divieto di transito sulla Strada Vicinale di Manziano per automezzi superiori a 35 q

COMUNE DI PARRANO

“Servizio Polizia Municipale dei Comuni, di Monteleone di Orvieto, Montegabbione  e Parrano”

 

Il Comandante

 

     -Sentita la comunicazione verbale del Sindaco Sig. Valentino Filippetti sulla situazione della strada vicinale di  Manziano, facente parte del consorzio sulle strade vicinali di Manziano;

     -Letta la Delibera Consiliare n.65 del 2013, avente ad oggetto Proposta di Costituzione del “Consorzio per la Manutenzione delle Strade Vicinali del Bagno, di Casa Balda e di Manziano”;

     -Letta la delibera consiliare n.47 del 2013, avente ad oggetto Costituzione Consorzio per la manutenzione delle strade vicinali del Bagno, di Casa Balda e di Manziano;

     -Letta la delibera consiliare n.9 del 2014, avente ad oggetto consorzio strade vicinali del Bagno, di casa Balda e di Manziano-valutazioni osservazioni e approvazione definitiva;

     -Letta la delibera consiliare n.33 del 2016, avente ad oggetto la ridefinizione consorzio obbligatorio strada di Manziano;

     -Letto lo statuto comunale  del consorzio per la manutenzione delle strade vicinali di Manziano-Parrano (Terni), dal quale si evince che il comune di Parrano partecipa alle spese consortili, tecniche amministrative e di manutenzione per una quota parte del 20%;

     -Letto nello specifico l’articolo 12 di detto statuto relativamente agli obblighi dei soci consorziati sull’utilizzo della strada;

     -Accertato che la strada vicinale di Manziano si snoda quasi totalmente all’interno di zone boschive, ove  operano imprese dedite al taglio ed allo sfruttamento del legname;

     -Considerato che il legname ottenuto viene trasportato su camion che, data la loro imponenza e pesantezza, possono danneggiare la carreggiata della strada vicinale, costringendo il Comune ed i Soci del consorzio ad intervenire con opere manutentive per assicurare la viabilità;

     -Al fine di evitare danni alla carreggiata, alle opere strutturali della strada vicinale ed  esborsi economici oltre che al Consorzio anche all’Ente pubblico;

     -Visto l’articolo 2 comma 6 lettera d) del D.Lgs 285/92;

     -Attesa la propria competenza all’adozione del presente atto, in forza dell’art 106 del D.Lgs 267/2000 (TUEL);

     -Richiamate le disposizione del Capo II° del Titolo II° del D.Lgs 165/2001;

     -Visto il Decreto Sindacale n.06 del 09/02/2018;

     -Visto l’articolo 6 comma 4 lettera b) del  D.Lgs 285/92;

     -Per i motivi sopra esposti;

 

Ordina

 

     –Il divieto di transito ai veicoli con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate, sulla strada vicinale di Manziano. Le Ditte boschive e non operanti nel territorio che per la loro attività usufruiscono di detta strada, dovranno, per ottenere l’autorizzazione al transito con camion, presentare idonea polizza fideiussoria assicurativa e/o bancaria a  garanzia dei lavori manutentivi che si rendessero necessari al ripristino della carreggiata danneggiata. Sulla strada vicinale di Manziano dovrà essere installata idonea segnaletica verticale permanente, con il divieto di transito ai mezzi con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate (figura II 60/b art.117) ed un limite di velocità a 30 km orari (figura II 50 art.116).

 

     -La presente sarà pubblicata all’albo pretorio on-line, sarà inviata alla Caserma Carabinieri di Fabro, alla stazione Carabinieri forestali di S.Venanzo, al Responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Parrano per conoscenza e quanto di competenza, avverso l’Ordinanza si potrà ricorrere al TAR dell’Umbria, per motivi di eccesso di potere, violazione di legge o incompetenza, entro 60 gg dalla pubblicazione e/o con ricorso straordinario  al Presidente della Repubblica, per motivi di legittimità, entro 120 giorni dalla pubblicazione all’albo pretorio on-line.

 

Dalla residenza Municipale

                                                                                         Il Comandante

                                                                             Cap. Dott.Francesco Giuliacci

PARRANO, il 7 maggio il Consiglio Comunale per il RENDICONTO di GESTIONE per L’ESERCIZIO 2017

Il Consiglio Comunale di Parrano è convocato il sessione ordinaria il 7 maggio 2018 alle ore 18.00 per discute e deliberare sul RENDICONTO di GESTIONE per L’ESERCIZIO 2017 e sulla CONVENZIONE QUADRO per le FUNZIONI ASSOCIATE da REALIZZARE con gli altri COMUNI

Il 22 Aprile parte PARRANO FEUDO 900 con un Concerto alla Chiesa di San Giovenale ad Orvieto

PARRANO FEUDO 900 sono una seria serie di iniziative per festeggiare i 900 anni dalla costituzione del Feudo di Parrano con il Conte Bulgarello. Successivamente i Conti di Parrano confluirono nei Conti di Marsciano.

In questo modo furono riuniti  i rami “di Parrano”, “di Montegiove” e “di Migliano”, predicati originati da quelli che furono i più importanti feudi familiari.

Primo appuntamento domenica 22 aprile alla Chiesa di San Giovenale con “Viaggio nella Lauda Umbra” con il coro Vox Et Jubilum della Cattedrale di Orvieto, diretto dal Maestro Stefano Benini.

Il Comune di Parrano ringrazia i Comuni di Marsciano,  Orvieto e  Ficulle che hanno aderito a queste manifestazioni, il parroco di San Giovenale don Enrico che ospita il concerto e lo splendido coro della Cattedrale di Orvieto.

PARRANO (I) CITTASLOW : “PARRANO FEUDO 900” 
Parrano celebrate the 900th anniversary of the establishment of the Feud with Count Bulgarello. He united the branches of “Parrano”, “di Montegiove” and “di Migliano”, originated from those that were the most important family feuds. First appointment Sunday, April 22 at the Church of San Giovenale in the beautiful Medieval Quarter of Orvieto town, with “Journey in Lauda Umbra”, choir Vox Et Jubilum of the Cathedral of Orvieto, directed by Maestro Stefano Benini

PARRANO : riaperta la strada comunale Frattaguida-San Marino

Questa l’ordinanza  del Comune di Parrano che revoca la chiusura della strada comunale Frattaguida/San Marino dopo i lavori di ripristino all’altezza del torrente Migliari, realizzati grazie al Comune di San Venanzo

Parrano

“Servizio Polizia Municipale dei Comuni, di Monteleone di Orvieto, Montegabbione  e Parrano”

________________________________________________________________________________

  1. 05/2018 reg.ordinanze                                                   protocollo n.1343  del 07 aprile 2018

 

 

Il COMANDANTE

 

     -Considerato che in data 09 marzo 2018 è stata chiusa, con ordinanza dirigenziale n.04/2018, al traffico veicolare e pedonale la strada comunale di S.Marino all’altezza del fosso Migliari, in quanto le avverse condizioni metereologiche avevano eroso la carreggiata nella congiunzione tra il ponte e la strada e per ulteriori ml 30 circa, nel versante che si interseca con la strada Provinciale 104 di Frattaguida;

     -Accertato che  sono stati ultimati i lavori di ripristino della carreggiata, come da comunicazione verbale del Responsabile Ufficio Tecnico e  documentazione fotografica acquisita in data 06/04/2018 relativamente alla strada comunale di S.Marino;

     -Al fine di riaprire al traffico veicolare e pedonale la strada comunale;

     -Attesa la propria competenza all’adozione del presente atto, in forza dell’art 106 del D.Lgs 267/2000 (TUEL);

     -Richiamate le disposizione del Capo II° del Titolo II° del D.Lgs 165/2001;

     -Visto il Decreto Sindacale n.6 del 19/02/2017;

     -Per i motivi sopra esposti;

 

ORDINA

 

     -La riapertura al traffico veicolare e pedonale della strada comunale di S.Marino. Dovrà essere rimossa la segnaletica verticale temporanea e quanto altro utilizzato per la chiusura della strada comunale. La presente ordinanza sarà pubblicata all’albo on line del Comune di Parrano, sarà inviata per  conoscenza e quanto di competenza alla Stazione Carabinieri di Fabro e al Comune di S.Venanzo. Avverso la presente si potrà ricorrere al TAR dell’Umbria, per motivi di eccesso di potere, incompetenza e violazione di legge, entro 60 giorni dalla pubblicazione e/o, con ricorso straordinario, per motivi di legittimità, entro 120 giorni dalla pubblicazione  al Presidente della Repubblica.

 

Dalla Residenza Municipale

 

                                                                                               Il Comandante

                                                                                       Cap.Dott.Francesco Giuliacci

 

PARRANO : AVVISO D’ASTA PUBBLICA PER L’ALIENAZIONE DI RELIQUATI STRADALI DI PROPRIETÀ DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, UBICATI IN LOC. SPERETO DEL COMUNE DI PARRANO

Comune di Parrano
Provincia di Terni
Servizio Urbanistica
Via XX settembre, n. 1 – tel. 0763 838751 – Fax 0763 838520- www.comune.parrano.tr.it
PEC: comune.parrano@postacert.umbria.it
AVVISO D’ASTA PUBBLICA
PER L’ALIENAZIONE DI RELIQUATI STRADALI DI PROPRIETÀ
DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, UBICATI IN LOC. SPERETO DEL COMUNE DI
PARRANO
Prot. Gen n. 1082 del 16 marzo 2018
Art. 1 “Oggetto”
Oggetto del presente avviso è l’alienazione di reliquati stradali siti in Parrano, Loc. Spereto.
Per una descrizione più analitica delle caratteristiche intrinseche ed estrinseche del bene si rinvia alla
Relazione Tecnica di Stima redatta dal Responsabile del Servizio Urbanistica che si allega al presente
avviso sub “A”.
Art. 2 “Descrizione catastale e consistenza del terreno”
I reliquati stradali che si intendono alienare sono censiti al N.C.T. del Comune di Parrano al:
– F. 34 Part.lla 261 – consistenza mq. 70 – destinazione di P.R.G. zona UB sotto zona UB7;
– F. 34 Part.lla 262 – consistenza mq. 212 – destinazione di P.R.G. zona UB sotto zona UB7;
– F. 34 Part.lla 263 – consistenza mq. 244 – destinazione di P.R.G. zona UB sotto zona UB7.
Art. 3 “Importo a base di gara”
Il prezzo a base d’asta è stabilito in € 9.834,00 (diconsi € novemilaottocentotrentraquattro/00).
Per un importo a mq. pari a € 18,70.
Art. 4 “Criterio di aggiudicazione”
La gara si svolgerà con il sistema delle offerte segrete, che non possono essere inferiori al prezzo a
base d’asta, ai sensi dell’articolo 73, lettera c), del Regio Decreto 23 maggio 1924, n. 827.
L’aggiudicazione è ad unico incanto ed avviene a favore del concorrente che avrà presentato l’offerta
più vantaggiosa in aumento rispetto al prezzo a base d’asta indicato al precedente punto 3.
Si procederà all’aggiudicazione anche in caso di un’unica offerta valida, ai sensi dell’articolo 69 del
Regio Decreto 23 maggio 1924, n. 827.
Qualora due o più partecipanti abbiano presentato offerte equivalenti e parimenti accettabili, si
procederà, nella stessa seduta, secondo quanto stabilito dall’art. 77 del citato Regio Decreto 23 maggio
1924, n. 827.
Art. 5 “Condizioni che regolano l’alienazione”
1. I reliquati stradali oggetto del presente bando saranno venduti nelle condizioni di fatto e di diritto in
cui si trovano, con tutte le servitù attive e passive, tanto apparenti quanto non apparenti, canoni,
censi ed oneri, anche se non indicati nella descrizione e con tutti i pesi che vi fossero inerenti. I
reliquati sono individuati nell’ampiezza e consistenza conformemente allo stato di fatto e di diritto
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
2
goduto, senza responsabilità da parte di questo Ente per le differenze che sussistono tra le su
indicate superfici e qualità catastali e quelle effettive.
2. La vendita sarà fatta, a corpo e non a misura, allo stesso titolo e nello stato e forma in cui i beni
appartengono al comune di Parrano, nella consistenza indicata nelle planimetrie allegate alla
relazione di stima ed, inoltre, a norma dell’articolo 1488, se (Con “a corpo”, si intende per ogni singolo reliquato stradale. La partecipazione cioè può avvenire per tutte e tre i reliquati, in questo caso il prezzo posto a base d’asta, è pari ad € 9834,00 (diconsi € novemilaottocentrotrentraquattro/00), ovvero nel caso in cui si partecipi per uno o due reliquati, il prezzo a base d’asta si ottiene moltiplicando la superficie per € 18,70, di cui al successivo art. 9 “Deposito cauzionale)

3
b) per procura speciale, rilasciata per atto pubblico o scrittura privata autenticata; in tal caso le
dichiarazioni da unire all’istanza dovranno essere effettuate in capo al delegante.
c) cumulative da parte di due o più soggetti, i quali dovranno conferire procura speciale per atto
pubblico o scrittura privata autenticata ad uno di essi, ovvero sottoscrivere tutti insieme
l’offerta economica e l’istanza, e ciascuno, le dichiarazioni di cui al successivo punto 8); in tal
caso i partecipanti saranno considerati obbligati solidali nei confronti del Comune.
d) per persona da nominare secondo le modalità di cui all’art. 81 del R.D. 827/1924; in tal caso
l’offerente dovrà indicare nell’istanza e nelle dichiarazioni rese a proprio nome, che partecipa
anche per persona da nominare.
Art. 8 “Requisiti e documentazione per la partecipazione all’asta”
L’istanza di partecipazione alla gara deve essere conforme allo schema allegato, quale parte integrante
e sostanziale, al presente bando.
Ai fini dell’ammissione alla gara, la stessa istanza dovrà essere corredata dalla seguente
documentazione:
Per i soggetti coniugati:
a) Dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 2000, n. 445, resa dal concorrente relativamente al regime patrimoniale dei beni.
Per tutti i concorrenti:
a) Dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica
28 dicembre 2000, n. 445, con la quale il concorrente in proprio, il titolare o legale rappresentante
della ditta concorrente, attesta di aver preso piena conoscenza delle condizioni e caratteristiche, in
fatto e in diritto, del bene da alienarsi e di accettarle tutte integralmente ed incondizionatamente.
b) Assegno circolare relativo al deposito cauzionale di cui al punto 9) del presente bando.
c) Eventuale procura speciale, rilasciata per atto pubblico o scrittura privata autenticata, qualora il
concorrente partecipi alla gara quale mandatario, nei casi previsti alle lettere a) e b) del precedente
punto 7).
Per le persone fisiche:
a) Dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica
28 dicembre 2000, n. 445, dal concorrente, in proprio o per conto del delegante se persona fisica, di
non essere interdetto, inabilitato e di non avere in corso procedure per la dichiarazione di uno di tali
stati.
Per le Ditte o Imprese partecipanti:
a) Dichiarazione, resa dal titolare o legale rappresentante della Ditta, ai sensi dell’articolo 46 del
decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, sostitutiva del certificato di
iscrizione nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e
Agricoltura, dalla quale risulti che la Ditta è regolarmente costituita; se trattasi di Società, quali
sono i suoi Organi di Amministrazione e le persone che li compongono, nonché i poteri loro
conferiti (in particolare, per le società in nome collettivo dovranno risultare tutti i soci, per le
società in accomandita semplice i soci accomandatari, per le altre società tutti gli amministratori
con poteri di rappresentanza); che la Ditta non si trova in stato di fallimento, liquidazione,
amministrazione controllata, concordato preventivo o qualsiasi altra situazione equivalente secondo
la legislazione italiana e straniera, se trattasi di concorrente di altro Stato;
b) Dichiarazione sostitutiva del certificato della Cancelleria presso il Tribunale, resa ai sensi
dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, dalla quale
risulti che, relativamente alla Ditta concorrente, non è in corso alcuna delle procedure indicate alla
precedente lettera f);
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
4
Per le Cooperative:
a) Dichiarazione resa dal legale rappresentante, ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente
della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, relativa all’iscrizione nel Registro Prefettizio.
Per i Consorzi di Cooperative:
a) Dichiarazione resa dal legale rappresentante, ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente
della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, relativa all’iscrizione nello schedario Generale della
Cooperazione. Le dichiarazioni sostitutive di cui al presente punto possono essere contenute in
un’unica dichiarazione sottoscritta dai soggetti indicati nelle medesime lettere, con firme
autenticate o, in alternativa, senza autenticazione delle firme, ove la stessa dichiarazione sia
presentata unitamente a copia fotostatica, non autenticata, di un documento di identità dei
sottoscrittori, in corso di validità.
Art. 9 “Deposito cauzionale”
L’istanza di partecipazione alla gara deve essere corredata da un deposito cauzionale pari al 5% del
prezzo posto a base d’asta, pari ad € 9.834,00 (diconsi € novemilaottocentotrentraquattro/00),
ovvero per un importo a mq. pari a € 18,70 per il valore della superficie per la quale si intende
partecipare.
Tale deposito, da prestarsi mediante assegno circolare non trasferibile intestato al Comune di Parrano,
copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell’aggiudicatario. L’importo della suddetta
cauzione verrà detratto dal prezzo complessivo di vendita.
Tale assegno verrà restituito, senza corresponsione di interessi:
– ai non aggiudicatari entro 30 (trenta) giorni dall’aggiudicazione;
– all’offerente per persona da nominare al momento del deposito di assegno a garanzia di pari importo
da parte della persona nominata.
Art. 10 “Elaborati di gara”
Il presente avviso d’asta, unitamente alla perizia di stima, viene affisso all’Albo Pretorio.
Gli interessati potranno visitare i reliquati; detta ricognizione, che dovrà avvenire alla presenza di un
incaricato dell’Ufficio Tecnico – Servizio Urbanistica e dovrà essere prenotata telefonicamente con
detto Ufficio (tel. 0763/838751) dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 13:00 entro e non oltre
cinque giorni dal termine di presentazione delle offerte. Il sopralluogo potrà essere effettuato nei soli
giorni stabiliti dall’amministrazione comunale.
Art. 11 “Avvertenze”
– L’Amministrazione si riserva, in caso di aggiudicazione, di verificare i requisiti dichiarati, mediante
l’acquisizione d’ufficio dei certificati attestanti il possesso di stati, fatti e qualità dei soggetti
dichiaranti. L’aggiudicatario non in possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione all’asta o
che abbia dichiarato il falso, decade dall’aggiudicazione provvisoria che, fino a tale momento, deve
intendersi sottoposta a condizione risolutiva espressa.
– Nei casi di aggiudicazione di offerta cumulativa, l’alienazione avverrà in comunione indivisa a
favore degli aggiudicatari, eventualmente anche in quote differenti.
– Ove l’aggiudicazione avvenga a chi ha fatto l’offerta per persona da nominare, l’offerente, entro tre
giorni dal ricevimento della comunicazione formale di aggiudicazione provvisoria, dovrà presentare
dichiarazione di nomina della persona per la quale ha agito, sottoscritta per accettazione da
quest’ultima. Entro i tre giorni successivi al deposito della dichiarazione la persona nominata dovrà
far pervenire all’Amministrazione le certificazioni di cui al precedente punto 8) nonché deposito a
garanzia per l’importo indicato al punto 9). Qualora l’offerente non presenti la dichiarazione nei
termini predetti, ovvero la persona nominata non accetti o non abbia i requisiti richiesti per l’asta,
l’offerente sarà considerato vero ed unico aggiudicatario.
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
5
– Il verbale d’asta non tiene luogo né ha valore di contratto. Il miglior offerente è vincolato sin dal
momento della presentazione dell’offerta e per un periodo di 180 giorni. Gli effetti traslativi si
produrranno al momento della stipula dell’atto di compravendita.
– Gli offerenti non potranno avanzare pretesa alcuna nei confronti dell’Ente per mancato guadagno o
per costi sostenuti per la partecipazione alla gara.
Per qualunque controversia dovesse sorgere tra l’Amministrazione e l’aggiudicatario sarà competente il
foro di Terni.
Art. 11 “Contratto di compravendita e pagamenti”
Entro trenta giorni dal ricevimento della lettera raccomandata A.R. o della PEC con cui
l’Amministrazione comunale comunicherà l’aggiudicazione definitiva, l’aggiudicatario dovrà firmare il
relativo contratto di compravendita innanzi a Notaio di sua scelta ed a proprie spese.
Il versamento del prezzo di vendita, opportunamente decurtato dell’importo della relativa cauzione, di
cui al precedente art. 9, dovrà avvenire da parte dell’aggiudicatario all’atto della stipulazione dell’atto
pubblico di compravendita dinanzi al Notaio prescelto.
In caso di mancata stipulazione per colpa dell’aggiudicatario nel termine di cui sopra e salvo diversi
accordi con l’Amministrazione, questo sarà dichiarato decaduto e diverrà aggiudicatario l’offerente
che, tra gli altri, avrà presentato l’offerta più alta. In tal caso il Comune introiterà la caparra versata
dall’aggiudicatario dichiarato decaduto dal medesimo presentata ai fini della partecipazione alla gara a
garanzia della serietà dell’offerta.
Art. 11 “Responsabile del procedimento”
Arch. Rocco Olivadese, Responsabile del Servizio Urbanistica (telefono: 0763/ – fax 0763/ ).
Orario: pomeriggio di mercoledì e venerdì dalle ore 16:00 alle ore 17:30).
Oltre alle modalità d’asta ed alle condizioni descritte nei precedenti punti del presente avviso,
l’alienazione immobiliare in argomento sarà regolata da tutte le altre norme e condizioni contenute nel
regio decreto 23 maggio 1924, n. 827 e dalle norme del Codice civile.
Parrano, 16 marzo 2018
Il Responsabile del Servizio Urbanistica
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
6
ALL. “A”
Avvertenza: Apporre sulla presente istanza una marca da bollo da 16,00 €.
Spett.le Comune di Parrano
Via XX settembre, n. 1
05010 Parrano (TR)
Oggetto: istanza di ammissione all’asta pubblica per l’alienazione di reliquati stradali di
proprietà dell’amministrazione comunale, ubicati in Loc. Spereto del comune di
Parrano.
– Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………….. nato/a a
……………………………………………
il ……………………………..……..…. residente nel Comune di …………………………………………….. Provincia
Stato……………………….…….…Via/Piazza………………………………………………………………………………………
…………..
Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………….. nato/a a ……………….…………… il
……………………………..……..…. residente nel Comune di ……………………………………………. Provincia
………………..
Stato……………………….…….…Via/Piazza………………………………………………………………………………………
.…………
– legale rappresentante della Ditta
……………………………………………………………………….……………………………..…
con sede nel Comune di …………………………………….. Provincia …………………..…… Stato
…………………………………………..Via/Piazza…………………………………………… con codice fiscale numero
……………………………………………………………………..………
e con partita I.V.A. numero……………………………………..telefono ……………………………………… fax
……………………………………………………
in conto proprio
in conto proprio e per persona da nominare
con espresso riferimento al/ai soggetto/i che rappresenta
con espresso riferimento alla Ditta che rappresenta
(1) barrare la casella che interessa
c h i e d e / c h i e d o n o
– di partecipare all’asta pubblica indicata in oggetto.
Allega/no alla presente istanza la dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per la partecipazione
all’asta pubblica, procura speciale (ove necessaria) e la cauzione.
Data ……………………………… Firma ……………………………..
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
7
ALL. “B”
Istruzioni per la compilazione:
1. La dichiarazione va compilata correttamente in ogni sua parte, barrando, se necessario, le parti che
non interessano.
2. Leggere attentamente le ulteriori istruzioni, riportate in grassetto nel testo o contenute negli spazi
“Avvertenza”.
3. La successiva dichiarazione deve essere resa dal soggetto singolo in proprio o in qualità di
mandatario o dal legale rappresentante del soggetto concorrente.
Spett.le Comune di Parrano
Via XX settembre, n. 1
05010 Parrano (TR)
Oggetto: ammissione all’asta pubblica per l’alienazione di reliquati stradali di proprietà
dell’amministrazione comunale, ubicati in Loc. Spereto del comune di Parrano.
Il/La sottoscritto/a
……………………………………….……………………………………………………………………………………….
codice fiscale numero …………………..……….. nato/a a
………………………………………………………………………….
il …………………………. residente nel Comune di
………………………………………………..…………………………………
Provincia …………….. Stato ………………………. Via/Piazza
………………………………………………………………..………….
in qualità di
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
…….…..
………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
…….…..
con sede nel Comune di ………………………………………………….. Provincia
…………………………………………………….
Stato ………………………………………. Via/Piazza
…………………………………………………………………………….………..
con codice fiscale numero ……………………………………… e con partita I.V.A. numero
………………………………….…..
telefono ………………………………. fax
……………………………………PEC………………………………………………………………..
in proprio o con espresso riferimento al soggetto/Ditta che rappresenta o in conto proprio e per persona
da nominare, ed a corredo dell’istanza per la partecipazione all’asta in oggetto, consapevole del fatto
che, in caso di mendace dichiarazione, verranno applicate nei suoi riguardi, ai sensi dell’articolo 76 del
decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, numero 445, le sanzioni previste dal codice
penale e dalle leggi speciali in materia di falsità negli atti, oltre alle conseguenze amministrative
previste per le procedure di asta pubblica,
d i c h i a r a
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
8
ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445:
1) in quanto coniugato: di essere nel seguente regime patrimoniale:
Separazione dei beni
Comunione dei beni
2) in quanto persona fisica: di non essere interdetto, inabilitato e di non avere in corso procedure per
la dichiarazione di uno di tali stati;
3) in quanto Ditta:
a) di essere iscritto nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed
Agricoltura di ……………………………………………… o in analogo albo dello Stato di appartenenza
attestando i seguenti dati:
numero d’iscrizione: ………………………………………………………………………
data d’iscrizione: ……………………………………………………………………………
durata della Ditta – data e termine: ……………………………………………………
codice di attività: ……………………………………………………………
forma giuridica della Ditta concorrente (barrare la casella che interessa):
ditta individuale
società in nome collettivo
società in accomandita semplice
società per azioni
società in accomandita per azioni
società a responsabilità limitata
società cooperativa a responsabilità limitata
società cooperativa a responsabilità illimitata
consorzio di cooperative
organi di amministrazione, persone che li compongono (indicare nominativi ed esatte
generalità), nonché poteri loro conferiti (in particolare, per le società in nome collettivo
dovranno risultare tutti i soci, per le società in accomandita semplice i soci accomandatari, per
le altre società tutti i componenti del Consiglio di amministrazione muniti di rappresentanza):
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
b) che il soggetto che partecipa non si trova in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione
controllata, concordato preventivo o qualsiasi altra situazione equivalente secondo la legislazione
italiana e straniera, e che non è in corso alcuna delle predette procedure;
4) in quanto Cooperativa o Consorzio di Cooperative, di essere regolarmente iscritto nel/nello
(barrare la casella che interessa ed indicare i dati di iscrizione) :
Registro prefettizio ……………………………………………………………………….. ;
Schedario generale della cooperazione ……………………………………………..;
5) di aver preso piena conoscenza delle condizioni e caratteristiche, in fatto e in diritto, del bene da
alienarsi, ivi inclusa la destinazione d’uso del medesimo come risultante dalla relazione di stima, e di
accettarle tutte integralmente ed incondizionatamente;
6) di essere informato che, ai sensi del Decreto Legislativo 30/6/2003, n. 196 che i dati sopra riportati e
comunicati sono richiesti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento relativo alla presente asta
e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.
Avvertenza:
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
9
Ai sensi del combinato disposto di cui agli articoli 21 e 38, comma 3, del decreto del Presidente della
Repubblica 28 Dicembre 2000, n. 445, alla presente dichiarazione deve essere allegata copia fotostatica
non autenticata del documento di identità del soggetto dichiarante (carta di identità, patente di guida,
passaporto, patente nautica, libretto di pensione, patentino di abilitazione alla conduzione di impianti
termici, porto d’armi, tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra
segnatura equivalente, rilasciate da un’Amministrazione dello Stato).
Data …………………………………………
FIRMA DEL DICHIARANTE
………………………………

L’ARCI sarà il soggetto che aiuterà il Comune di Parrano a progettare lo SPRAAR

COMUNE DI PARRANO

Provincia di Terni

Numero Registro Generale 46 del 12-03-2018

DETERMINAZIONE ORIGINALE

Numero 16 del 12-03-2018

Settore Affari Generali ed Istituzionali – Servizi alla Persona

OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER L’INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO DEL TERZO SETTORE PER LA COPROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI AZIONI DI SISTEMA PER L’ACCOGLIENZA, LA TUTELA E L’INTEGRAZIONE A FAVORE DI FAMIGLIE, NELL’AMBITO DEL PROGETTO TERRITORIALE, NEL QUADRO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI (SPRAAR). TRIENNIO 2018/2020. – APPROVAZIONE VERBALE ED INDIVIDUAZIONE SOGGETTO IDONEO

Richiamata:

  • la propria precedente Determinazione n. 30 del 19.02.2018, avente ad oggetto “Avviso pubblico per l’individuazione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di famiglie, nell’ambito del progetto territoriale, nel quadro del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAAR). Triennio 2018/2020. – approvazione ed indizione procedura selettiva”;
  • la propria Determinazione n. 33 del 21.02.2018 avente ad oggetto “Determina n. 30 del 19.02.2018 – Rettifica errore materiale ed adempimenti conseguenti”,;
  • la Determinazione n. 44 del 06.03.2018 “Nomina commissione procedura selettiva individuazione soggetto terzo settore SPRAAR – Determinazione n. 30 del 19.02.2018 – e differimento data seduta pubblica”;

Visto il Verbale della seduta pubblica della Commissione aggiudicatrice, redatto in data 12.03.2018 e debitamente sottoscritto in atti;

Ritenuto dover procedere, per quanto di competenza:

1. ad approvare il Verbale di che trattasi;

2. ad approvare conseguentemente la graduatoria di merito;

3. ad individuare il soggetto idoneo con il quale definire in co-progettazione il progetto di che trattasi da presentare al Ministero dell’Interno;

4. di comunicare a tutti i candidati l’esito della valutazione;

Visto il Regolamento comunale sull’ordinamento generale degli uffici e dei servizi; Visto il Regolamento comunale di contabilità;

Visto il vigente quadro normativo in materia di Enti Locali e CC.N.L. vigente per i dipendenti degli enti locali;

Accertata la competenza di emanare l’atto in oggetto, ai sensi del Decreto Sindacale n. 6/2018; Visto il D.Lgs.vo 18.8.2000 n. 267;

Visto il D. Lgs. 118/2011;

Vista la legge 136/2010 art. 3 e il D.L.n.187/2010 art.7, convertito in legge n.217/2010;

DETERMINA

Per quanto in premessa:

  • di approvare il Verbale della Commissione di Gara relativo all’individuazione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di famiglie, nell’ambito del progetto territoriale, nel quadro del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAAR). Triennio 2018/2020, depositato agli atti dell’ufficio e debitamente sottoscritto dai membri della Commissione;
  • di dare atto che la Graduatoria relativa alla selezione dei che trattasi è la seguente:

1. ARCI SOLIDARIETA’ ORA D’ARIA – via della Viola, 1 PERUGIA ……………..punti 80

  • di dare atto pertanto che il soggetto selezionato come idoneo con il quale definire in co-progettazione il progetto di che trattasi da presentare al Ministero dell’Interno, di cui all’Avviso di selezione indetta con la propria precedente Determinazione n. 30 del 19.02.2018, avente ad oggetto “Avviso pubblico per l’individuazione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di famiglie, nell’ambito del progetto territoriale, nel quadro del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAAR). Triennio 2018/2020. – approvazione ed indizione procedura selettiva” è:

ARCI SOLIDARIETA’ ORA D’ARIA – via della Viola, 1 06122 PERUGIA – C.F. 9404489542

  • di comunicare l’esito della valutazione ai soggetti partecipanti:

ARCI SOLIDARIETA’ ORA D’ARIA – via della Viola, 1 06122 PERUGIA – C.F. 9404489542

Parrano, 12-03-2018

IL RESPONSABILE

DOTT. VINCENZO RIOMMI

PARERE DI REGOLARITA’ TECNICA

Si esprime parere favorevole di regolarità tecnica attestante la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa ai sensi dell’art. 147 bis comma 1 D.Lgs 267/2000.

Parrano, 12-03-2018 IL RESPONSABILE

DOTT. VINCENZO RIOMMI

Documento originale sottoscritto con firma digitale ai sensi dell’ art.24 del D.Lgs. n. 82 del 07/03/2005