PARRANO,TARIFFE TARI 2021

In questi giorni i nostri uffici stanno procedendo alla bollettazione degli avvisi di pagamento della TARI 2021.

Le novità più importanti sono state introdotte da ARERA con le seguenti deliberazioni:

  • 443 del 31/10/2019 che ha definito i criteri di riconoscimento dei costi efficienti di esercizio e di investimento del servizio integrato dei rifiuti, per il periodo 2018-2021, approvando il “Metodo Tariffario per il servizio integrato di gestione dei Rifiuti” (MTR). In merito alla procedura di approvazione del Piano, prevede all’art. 6, che sulla base della normativa vigente, il gestore predispone annualmente il Piano economico finanziario, secondo quanto previsto dal MTR, e lo trasmette all’Ente territorialmente competente AURI;

 

  • 493/2020/R/rif del 24/11/2020 ARERA introduce nuovi parametri per la determinazione dei costi da inserire nel PEF TARI per l’anno 2021.

 

I principi regolatori della definizione del Piano Finanziario sono la “predisposizione ed aggiornamento del metodo tariffario per la determinazione dei corrispettivi del servizio integrato dei rifiuti e dei singoli servizi che costituiscono attività di gestione, a copertura dei costi di esercizio e di investimento, compresa la remunerazione dei capitali, sulla base della valutazione dei costi efficienti e del principio «chi inquina paga»” ai sensi dell’art. 1 comma 527 lettera f) della legge 27/12/2017 n. 205 e la “diffusione della conoscenza e della trasparenza delle condizioni di svolgimento dei servizi a beneficio dell’utenza e la tutela dei diritti degli utenti” ai sensi dell’art. 1 comma 527 lettera c) della legge 27/12/2017 n. 205, anche tramite la valutazione di reclami, istanze e segnalazioni presentate dagli utenti e dai consumatori, singoli o associati.

 

Visto lo schema di Piano economico finanziario (PEF) del servizio di gestione dei rifiuti urbani per l’anno 2021, predisposto ai sensi della citata deliberazione dell’ARERA 443/2019/R/rif, dal soggetto gestore, acquisito agli atti ed integrato con i costi comunali, già approvato dal competente Ente di governo dell’Ambito, con Deliberazione n. 6 del 22/06/2021 da cui risulta un costo complessivo di € 128.321,00;

Atteso pertanto che sulla base del suddetto PEF risulta che il costo complessivo del servizio di gestione dei rifiuti urbani ed assimilati per l’anno 2021 pari ad € 128.321,00, così composto:

-ammontare dei costi imputabili alla quota fissa della tariffa è pari a € 57.605,00

-ammontare dei costi imputabili alla quota variabile della tariffa è pari ad € 70.716,00

Nell’approvazione del PEF 2021 si è Preso atto della volontà dell’Amministrazione Comunale di ridurre il PEF 2021 per la parte dello scostamento atteso dei costi variabili di cui all’art.7 bis del MTR COVID-19 pari a € 6291,00 e la rata annuale di conguaglio relativa ai costi variabili in applicazione dell’art. 107, comma 5 del D.L. 18/2020 pari a € 1629,00 per un totale di € 7920,00 :

questo importo non viene posto a carico delle tariffe TARI utilizzando a copertura  ma completamente coperti con i contributi per le funzioni fondamentali ai sensi dell’articolo 106 del dl 34, e poi dall’art. 39 del DL 104.

Dal Piano economico finanziario così rideterminato, relativo ai costi di gestione del servizio rifiuti, emergono costi complessivi per l’anno 2021 di €120.401,00, così ripartiti:

-COSTI FISSI                 €. 57605,00

-COSTI VARIABILI                    € 62796,00

 

 

Si è riusciti a garantire costi complessivi a carico delle tariffe TARI più bassi rispetto al PEF dell’Autorità d’Ambito ma rimane il problema della nuova metodologia di suddivisione tra costi fissi e variabili che vedono l’aumento dei secondi sui primi.

 

In termini pratici questo ha inciso sulla determinazione dei costi da ripartire nel piano tariffario del Comune, che vedono un aumento dell’incidenza della parte variabile piuttosto che la parte fissa.

 

Le tariffe che ne conseguono sono leggermente aumentate per la parte  variabile, riferita ai componenti nucleo familiare per le utenze domestiche e per le utenze di tipo non domestico dove la quota variabile ha maggior peso rispetto ai mq dei fabbricati.

 

L’amministrazione comunale ha perciò messo in atto ulteriori provvedimenti tesi a calmierare questi aumenti:

 

Oltre alle agevolazioni ordinarie ormai consolidate nel calcolo delle tariffe TARI che questa Amministrazione è riuscita a mantenere si è approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.16 del 27/07/2021 un “Regolamento straordinario” che norma il riconoscimento di uno sgravio pari al 50% per le utenze non domestiche, più colpite dalla pandemia anche a seguito delle ripetute chiusure e che a sua volta sono le più colpite anche  dall’aumento tariffario per la diversità di distribuzione tra costi fissi e variabili dovuti dal PEF 2021 di ARERA.