COMUNE di PARRANO , al consiglio del 22 maggio approvati Rendiconto 2019, Rinegoziazione dei Mutui, Ripiano del Disavanzo e Piano Comunale di Protezione Civile.

 

Il 22 maggio si è tenuto   il Consiglio Comunale di Parrano con all’ordine del giorno :

1) Approvazione del rendiconto della gestione per l’esercizio 2019 ai sensi dell’art. 227 del d.Lgs. n. 267/000;

2) Ratifica Deliberazione Giunta Comunale n. 27 del 31.03.2020, avente ad oggetto: “Variazione d’urgenza al bilancio di previsione dell’esercizio 2020/2022”;

3) Ratifica Deliberazione Giunta Comunale n. 35 del 28.04.2020, avente ad oggetto: “Variazione d’urgenza al bilancio di previsione dell’esercizio 2020/2022”;

4) Regolamento per l’applicazione della nuova IMU e approvazione aliquote;

5) Rinegoziazione mutui CDP ai sensi della circolare CDP n. 1300 del 23.04.2020;

6) Disavanzo       di      amministrazione relativo      all’esercizio          2019 Provvedimento di ripiano ai sensi dell’art. 188 del D.Lgs. n.267/2000 e FCDE Il Decreto Milleproroghe (Decreto Legge 30 dicembre 2019, n. 162).

7) Variante Parziale tematica al PRGS- PRGO ai sensi lettera A 4 comma art.32 LR 20/2015 n.1

8) Piano Emergenza Comunale di Protezione Civile

Tutti i punti sono stati approvati all’unanimità.

Di fatto con queste decisioni si chiude la lunga fase di difficoltà che accumuna tutti i piccoli Comuni ma che è stata aggravata a Parrano dal commissariamento e dalle gravi carenze della struttura amministrativa.

Un Comune rimasto per anni senza Ragioniere, senza Segretario Comunale e con altre figure fondamentali.

Il bilancio 2019 si è chiuso con un avanzo di amministrazione di 546.000 euro compromesso pero dalla presenza di residui attivi per 1.072.000 euro che in virtu delle nuove norme sul Fondo Crediti a garanzia dei creditori del Comune ha generato un risultato finale di 244.000 euro di disavanzo.

La decisione presa dal Governo di autorizzare un mutuo a 15 anni per ripianare il debito,la scelta di rallentare la restituzione dei mutui e la decisione della Cassa Depositi e Prestiti di permettere una rinegoziazione dei mutui  stessi permetterà di affrontare bene i prossimi anni.

Ovviamente rimane la necessità di una azione forte e decisa per recuperare l’evasione fiscale.

E’ stato varato il nuovo Regolamento per l’IMU mantenendo le aliquote invariate.

E’ finito il lungo iter la Variante al PRGS-PRGO per ridefinire le zone boscate

E a conclusione è stato approvato il Piano Emergenza Comunale di Protezione Civile realizzato grazie alle risorse delle Aree Interne e al lavoro prezioso del nucleo tecnico della Funzione Associata della Protezione Civile

A conclusione il Sindaco a voluto ringraziare tutti i dipendenti che in una situazione diffficile come quella creata dal Covid19 sono riusciti a produrre una mole di lavoro straordinaria per qualità e quantità.

 

 

 

PARRANO COMUNE AMICO DELLE API

20 Maggio 2020, GIORNATA MONDIALE DELLE API

Il Comune di Parrano rilancia questo appuntamento e aderisce alla proposta di Citta Slow che fa un  l’appello per iniziative di sensibilizzazione e progetti concreti a difesa delle Api.

In particolare vede con interesse il progetto in allegato promosso da Paolo Fontana , Entomologist-Apidologist , della Fondazione Edmund Mach – Centro Trasferimento Tecnologico, Unità operativa: Protezione delle piante e biodiversità agroforestale.

Con PARRANO BIODIVERSA abbiamo avviato anni fa un impegno che si stà sviluppando in varie direzioni con il GIARDINO AMICO DELLE API E L’APIARIO DI COMUNITA’.

 

 

 

 

PARRANO, riapertura dei cimiteri con regolamentazione

 

     COMUNE DI PARRANO

 

        PROVINCIA DI TERNI

 

ORDINANZA N.11 DEL 18.05.2020

PROT.2052 DEL 18.05.2020

IL SINDACO

 

OGGETTO: RIAPERTURA AL PUBBLICO DEI CIMITERI COMUNALI (Parrano e Frattaguida)

VISTO

il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26.04.2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale” pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 108 del 27.04.2020;

VISTO

il DPCM 17.05.2020 Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, e del Decreto Legge 16 maggio 2020, n. 33 (DL Riaperture), recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

RICHIAMATA

l’Ordinanza Sindacale n. 8 del 2.05.2020 con cui in ragione di salvaguardia della piena operatività dei servizi pubblici, inevitabilmente derivante dalla tutela dei pubblici ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio, si è disposta la chiusura al pubblico dei cimiteri comunali fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019, ovvero fino ad una data antecedente stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, garantendo, comunque l’erogazione dei servizi funebri di ricevimento, inumazione e tumulazione;

PRESO ATTO

dell’evolversi in maniera positiva della situazione epidemiologica in tutte le regioni d’Italia e in particolare in Umbria ove il contagio è tra i piu bassi del paese ;

VISTO

che all’interno del Comune di Parrano, come negli altri Comuni dell’Alto Orvietano, non si sono mai verificati casi positivi al contagio da COVID-19;

RITENUTO

alla luce di quanto sopra espresso di poter autorizzare dalla data di pubblicazione del presente atto fino a diverse disposizioni la riapertura dei cimiteri di Parrano (Parrano e Frattaguida) secondo le linee guida di seguito descritte;

 

 

  • L’accesso sarà consentito ad una persona alla volta per nucleo familiare, salvo necessità di accompagnamento di persona non autosufficiente;
  • La permanenza massima è di minuti 20 a persona all’interno del cimitero;
  •         E’ fatto obbligo di accesso per tutti con mascherina e guanti, salvo impedimenti da dimostrare con specifico certificato medico;
  •               E’ fatto obbligo di mantenere il distaccamento sociale di almeno metri 1,00;
  •         E’ fatto obbligo di evitare qualsiasi forma di assembramento;
  •                Al raggiungimento del numero massimo ammissibile, le persone in attesa potranno accedere    solo dopo l’uscita di un equivalente numero di persone;
  •                Le operazioni di tumulazione o inumazione dovranno avvenire alla presenza di un solo familiare o parente, degli eventuali esecutori testamentari, degli operatori delle imprese di onoranze funebri dotati di adeguati DPI e degli operatori cimiteriali anch’essi dotati di adeguati DPI.  Vista, altresì, la Circolare Ministero della Salute del 10 aprile 2020 prot. 0023470 avente oggetto “Indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardante il settore funebre, cimiteriale e di cremazione.” affinché codeste Imprese ne prendano debita conoscenza garantendone l’immediata applicazione, in particolare si richiamano le disposizioni contenute nell’allegato 1 “Caratteristiche dei feretri e loro confezionamento”.
  •         Ove le misure, sulla base dei rapporti del personale addetto al controllo, si rivelassero inidonee, insufficienti o venissero disattese da scorretti e reiterati comportamenti da parte delle persone, uno o entrambi i cimiteri potrebbero nuovamente essere resi inaccessibili.

    VISTO

 l’art. 50, comma 5, del D.Lgs. 18/08/2000, n. 267, “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”, in cui è previsto che “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale”;

                                                                 O  R  D  I  N  A

 dalla data di pubblicazione del presente atto fino a diverse disposizioni la riapertura programmata dei cimiteri di Parrano (Parrano e Frattaguida) secondo le linee guida di seguito descritte;

  • L’accesso sarà consentito ad una persona alla volta per nucleo familiare, salvo necessità di accompagnamento di persona non autosufficiente;
  • La permanenza massima è di minuti 20 a persona all’interno del cimitero;
  • E’ fatto obbligo di accesso per tutti con mascherina e guanti, salvo impedimenti da dimostrare con specifico certificato medico;
  • E’ fatto obbligo di mantenere il distaccamento sociale di almeno metri 1,00;
  • E’ fatto obbligo di evitare qualsiasi forma di assembramento;
  • Al raggiungimento del numero massimo ammissibile, le persone in attesa potranno accedere solo dopo l’uscita di un equivalente numero di persone;

 

 

  • Le operazioni di tumulazione o inumazione dovranno avvenire alla presenza di un solo familiare o parente, degli eventuali esecutori testamentari, degli operatori delle imprese di onoranze funebri dotati di adeguati DPI e degli operatori cimiteriali anch’essi dotati di adeguati DPI.  Vista, altresì, la Circolare Ministero della Salute del 10 aprile 2020 prot. 0023470 avente oggetto “Indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardante il settore funebre, cimiteriale e di cremazione.” affinché codeste Imprese ne prendano debita conoscenza garantendone l’immediata applicazione, in particolare si richiamano le disposizioni contenute nell’allegato 1 “Caratteristiche dei feretri e loro confezionamento

 

  • Ove le misure si rivelassero inidonee, insufficienti o venissero disattese da scorretti e reiterati comportamenti da parte delle persone, uno o entrambi i cimiteri potrebbero nuovamente essere resi inaccessibili;

 

                                                                          R  E  V  O  C  A

 

la precedente Ordinanza Sindacale n. 8 del 02.05.2020 con cui in ragione di salvaguardia della piena operatività dei servizi pubblici, inevitabilmente derivante dalla tutela dei pubblici ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio, veniva ordinata la sospensione delle visite ai defunti nei cimiteri di Parrano (Parrano e Frattaguida) fino a data da destinarsi rendendo possibili esclusivamente le operazioni di tumulazione;

 

                                                                       I  N  F  O  R  M  A

 

che la presente Ordinanza è resa pubblica mediante affissione all’Albo Pretorio on line del Comune di Parrano e divulgazione attraverso il sito web istituzionale e gli altri organi informatici, ed esposta all’ingresso dei cimiteri di Parrano e Frattaguida, al fine di garantirne la più ampia diffusione.

Contro la presente Ordinanza è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale dell’Umbria entro 60 giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio (Legge 06/12/1971, n. 1034), oppure, in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nel termine di 120 giorni dalla medesima data (D.P.R. 24/11/1971, n. 1119).

 

Parrano, 18/05/2020                                                         IL SINDACO

                                                                                  

                                                                                   VALENTINO  FILIPPETTI

 

 

                                                                       

 

 

PARRANO, cordoglio a Parrano per la scomparsa dell’avv. Vittorio De Sanctis

 

Ci ha lasciato l’avv. Vittorio De Sanctis un concittadino che ha amato ed è stato amato dai Parranesi. Alla sua famiglia va il cordoglio dell’Amministrazione Comunale .

Per ricordarlo usiamo le motivazioni con le quali il 13 luglio del 2008 gli fu conferita unanimemente dal Consiglio Comunale di Parrano la cittadinanza onoraria :

“Vittorio De Sanctis, nonostante i suoi numerosi impegni internazionali, non ha mai abbandonato Parrano.

Anzi è tra i pochi parranesi a poter contare una conoscenza intima del territorio, una frequentazione puntuale di boschi e sentieri romiti.

A lui dobbiamo iniziative di grande pregio culturale e scientifico che proprio a Parrano hanno trovato una felice espressione, rafforzando in noi la convinzione di abitare e vivere in un posto un pò speciale  in compagnia di gente speciale.”

 

 

PARRANO: RIAPERTO IL DISTRIBUTORE DI CARBURANTE

Il Comune di Parrano è uno dei pochi Comuni ( si contano sul palmo di una mano) proprietario di un distributore. Questa mattina la prima erogazione. Si ringraziano tutti coloro che hanno contribuito,  a cominciare dall’ufficio tecnico comunale, i dipendenti comunali tutti, gli amministratori che appoggiarono con la prima delibera del consiglio comunale nell’estate del 2016.

L’impianto era fermo da 2015, perché la gestione dell’epoca non avevo piu ritenuto conveniente la gestione. . Nel 2016 la nuova amministrazione appena insediata compi tra i primi atti proprio la scelta di riattivare il distributore.

Con la delibera n. 4 del 16/6/2016  la giunta comunale ha iniziato l’iter amministrativo.

Infatti per Parrano, un piccolo Paese distante dai centri piu grandi e dai relativi servizi, il distributore rappresenta un vero e proprio servizio sociale.

Da li inizio il lungo e impegnativo lavoro che ha portato, prima al progetto di  riordino funzionale  della viabilità circostante e interventi di modifica alla composizione dell’ impianto di carburante e poi al collaudo intervenuto il  5 settembre del 2019.

Finita la parte tecnica è iniziata quella gestionale con la ricerca della migliore soluzione. Scartata l’ipotesi della gestione diretta che era stata ipotizzata inizialmente si è cercato un gestore privato attraverso diverse gare.

La scarsissima appetibilità economica ha reso questo lavoro molto difficile, anche se alla fine si è trovata l’azienda interessata, che per due anni gestirà l’impianto.

Si tratta di un impianto self service seguito a distanza dall’azienda che assicura interventi di assistenza.