PARRANO FEUDO 900 : domenica 10 giugno visita al Castello di Montegiove ( Montegabbione)

 
Quest’anno sono 900 anni della nascita del Feudo di Parrano per mano dei Bulgarelli che , con il tempo , crearono una Contea che si estendeva da Chiusi a Migliano (Marsciano) a Parrano
Antonio da Migliano riusci a riportare nei possedimenti dei Bulgarelli ( poi Conti di Marsciano) il Castello di Montegiove , che era andato in mano a Erasmo da Narni detto Gattamelata, sposandone proprio la figlia PAOLA BIANCA “TODESCHINA. La loro nipote Angelina ( che nasce a Montegiove, in Umbria, nel 1357 da Giacomo dei Conti di Marsciano e da Alessandra Salimbeni) è considerata la fondatrice del Terzo Ordine Regolare di San Francesco. I frati che edificano la Scarzuola chiesero proprio a Conti di Marsciano l’autorizzazione ad edificare il convento e ottennero il consenso a condizione che venissero seppelliti nella chiesa proprio i Conti di Marsciano. Domenica 10 giugno alle 10 il Comune di Parrano Organizza una visita al Castello che dette i natali alla Beata Angelina.
 
 per INFO 3483496000

2 Giugno Festa della Repubblica, medaglia d’onore a Paolo Bicchieraro

 

Il 2 giugno in occasione della Festa della Repubblica il Prefetto di Terni, dott. Paolo De Biagi, consegnerà ai famigliari di Paolo Bicchieraro la Medaglia d’Onore conferita dal Presidente della Repubblica ai cittadini italiani,, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra  e ai familiari dei deceduti.

La cerimonia si svolgerà presso i giardini pubblici La Passeggiata a Terni alle ore 10 e vi prenderà parte anche il sindaco di Parrano Valentino Filippetti.

Paolo Bicchieraro nato a S. Vito in Monte (TR)  il 13.10.1908 fu internato STALAG VII A, MOOSBURG (Germania) dal 08/09/1943 al 30/04/1945.

 

PARRANO, nominato il Responsabile della Protezione dei Dati personali

       COMUNE DI PARRANO

 

                                              PROVINCIA DI TERNI

 

 

 

 

 

 

OGGETTO: atto di designazione del Responsabile della Protezione dei Dati personali (RDP) ai sensi dell’art. 37 del Regolamento UE 2016/679

 

 

IL SINDACO

QUALE TITOLARE DEL TRATTAMENTO DEI DATI

DEL COMUNE DI PARRANO

 

 

Premesso che:

  • Il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 «relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati)» (di seguito RGPD), in vigore dal 24 maggio 2016, e applicabile a partire dal 25 maggio 2018, introduce la figura del Responsabile dei dati personali (RDP) (artt. 37-39);
  • Il predetto Regolamento prevede l’obbligo per il titolare o il responsabile del trattamento di designare il RPD «quando il trattamento è effettuato da un’autorità pubblica o da un organismo pubblico, eccettuate le autorità giurisdizionali quando esercitano le loro funzioni giurisdizionali» (art. 37, paragrafo 1, lett a);
  • Le predette disposizioni prevedono che il RPD «può essere un dipendente del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento oppure assolvere i suoi compiti in base a un contratto di servizi» (art. 37, paragrafo 6) e deve essere individuato «in funzione delle qualità professionali, in particolare della conoscenza specialistica della normativa e delle prassi in materia di protezione dei dati, e della capacità di assolvere i compiti di cui all’articolo 39» (art. 37, paragrafo 5) e «il livello necessario di conoscenza specialistica dovrebbe essere determinato in base ai trattamenti di dati effettuati e alla protezione richiesta per i dati personali trattati dal titolare del trattamento o dal responsabile del trattamento» (considerando n. 97 del RGPD);
  • Considerato che il Comune di Parrano è tenuto alla designazione obbligatoria del RPD nei termini previsti, rientrando nella fattispecie prevista dall’art. 37, par. 1, lett a) del RGPD;
  • Considerate le dimensioni estremamente ridotte di questo Comune, si ritiene di poter individuare nel Segretario comunale la figura in grado di svolgere i compiti in questione, quantomeno nella fase iniziale di entrata in vigore della normativa;
  •  

DESIGNA

 

Federica Bifulco Responsabile della protezione dei dati personali (RPD) per il Comune di Parrano,

 

Il predetto, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 39, par. 1, del RGPD è incaricato di svolgere, in piena autonomia e indipendenza, i seguenti compiti e funzioni:

 

 

 

  1. informare e fornire consulenza al titolare del trattamento o al responsabile del trattamento nonché ai dipendenti che eseguono il trattamento in merito agli obblighi derivanti dal RGPD, nonché da altre disposizioni nazionali o dell’Unione relative alla protezione dei dati;
  2. sorvegliare l’osservanza del RGPD, di altre disposizioni nazionali o dell’Unione relative alla protezione dei dati nonché delle politiche del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento in materia di protezione dei dati personali, compresi l’attribuzione delle responsabilità, la sensibilizzazione e la formazione del personale che partecipa ai trattamenti e alle connesse attività di controllo;
  3. fornire, se richiesto, un parere in merito alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati e sorvegliarne lo svolgimento ai sensi dell’articolo 35 del RGPD;
  4. cooperare con il Garante per la protezione dei dati personali;
  5. fungere da punto di contatto con il Garante per la protezione dei dati personali per questioni connesse al trattamento, tra cui la consultazione preventiva di cui all’articolo 36, ed effettuare, se del caso, consultazioni relativamente a qualunque altra questione;

 

I compiti del Responsabile della Protezione dei Dati personali attengono all’insieme dei trattamenti di dati effettuati dal Comune di Parrano.

Il titolare del trattamento dei dati si impegna a:

  1. non rimuovere o penalizzare il RPD in ragione dell’adempimento dei compiti affidati nell’esercizio delle sue funzioni;
  2. garantire che il RPD eserciti le proprie funzioni in autonomia e indipendenza e in particolare, non assegnando allo stesso attività o compiti che risultino in contrasto o conflitto di interesse.

 

Data 23 maggio 2018                                                                     IL SINDACO

                                                                                                    (Valentino Filippetti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parrano, approvato il Rendiconto 2017 nel Consiglio Comunale del 14 Maggio

Il Consiglio Comunale del 14 maggio a Parrano ha affrontato molte questioni vitali per l’Amministrazione e i cittadini.

Innanzi tutto è stato approvato con un voto contrario e due astensioni il Rendiconto della Gestione per l’Esercizio 2017.

I numeri parlano di un avanzo di amministrazione di 175.000 euro destinato per 133.470 euro ad accantonamenti, 29.721 euro per quote vincolate e 8.732 per investimenti.

Prosegue cosi il faticoso lavoro per consolidare la situazione economica del Comune uscito da un commissariamento e con molte criticità.

Il Consiglio si è aperto con la comunicazione sulle dimissioni del vice sindaco Patrizia Patrizi e la nomina del nuovo vive sindaco Ettore Alfieri.

Il sindaco Valentino Filippetti ha ringraziato Patrizia Patrizi per l’ottimo lavoro svolto e ha presentato il nuovo vicesindaco.

Si sono affrontati successivamente i punti amministrativi e in chiusura u documenti conclusivi delle Commissioni Speciali del Consiglio Comunale su Santità/Sociale e Sicurezza Locale.

Su questi punti si è risscontrata l’unanimità del Consiglio Comunale :

– Convenzione quadro tra i Comuni di Ficulle e Fabro per l’esercizio in forma associata
delle funzioni fondamentali ex art.14 del D.L. N.78 DEL 31.05.2010, convertito nella
legge n.122/2010 e ss.mm. ed II.
–  “ Adempimenti comunali ai sensi dell’art.141 comma 2 del R.R. 2/2015 – Definizione
nuovi parametri per la determinazione del contributo di costruzione” – Delibera
Commissariale assunta con i poteri del Consiglio Comunale n. 10 del 27.05.2015 –
Modifiche.
– Regolamento comunale per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di
linea ( Legge 15 gennaio 1992 n.21 art. 5) Servizio di noleggio di autovetture con
conducente- Modifiche.

Come del resto sui due documenti delle Commissioni Speciali :

 Commissione consiliare speciale, sicurezza sul territorio.

 Testo del Documento approvato all’Unanimità

 

 Innanzitutto la Commissione ha preso atto della convenzione in essere della polizia locale (Monteleone d’Orvieto – capofila-, Montegabbione, Parrano), evidenziandone la condizione attuale. Presa visione della direttiva ministeriale Minniti che ne amplia le funzioni e le competenze, auspicandone una maggior presenza sul territorio, si decide di sentire il Responsabile del servizio ed articolare una proposta in materia di funzione associata, soprattutto alla luce della richiesta di finanziamento Aree Interne per le funzioni associate minori;

 

Di seguito ha incentrato i suoi lavori sul tema della videosorveglianza, in quanto esigenza di controllo avvertita in modo più immediato, sia dalla popolazione che dalle forze dell’ordine operanti nel territorio comunale. Il Consigliere Giulietti propone, se vi saranno le condizioni, di poter recuperare il vecchio impianto, predisponendo un punto di installazione nel centro storico, es. via XX Settembre, ove sono presenti gli uffici comunali, la farmacia, il medico, la posta, la banca. Si è inoltre  ripercorso l’excursus sul tema, partendo dal progetto Territorio Sicuro, al fatto che si è superato, predisponendo la richiesta di preventivi a Telecom, che ha vinto l’appalto Consip in materia, sia come singolo Comune, che come Comuni in forma associata. L’Assessore Tedeschini mostra la documentazione presente su sito istituzionale in ordine alle condizioni e all’eventuale bozza di convenzione che si andrebbe eventualmente a siglare con il soggetto. 

 

La prima seduta si conclude con una discussione sul tema della diffusione delle buone pratiche di prevenzione tra i cittadini, ragionando su eventuali azioni che si possano mettere in campo per implementare le stesse.

 

 La Commissione, avendo convocato i Responsabili del Servizio di Polizia locale (Capitano Dott. Francesco Giuliacci) e il Maresciallo capo dei Carabinieri di Fabro (Mirco Giustiniani), ha provveduto all’escussione degli stessi affinché potessero fornire il loro parere sull’operato della Commissione, indicando le criticità e le possibili soluzioni ai problemi più urgenti che hanno spinto ad istituire la Commissione stessa.

 

Sollecitati dalla Presidenza della Commissione a fornire la loro disponibilità a partecipare ad una eventuale assemblea pubblica dove contribuire ad informare in modo appropriato e diretto la popolazione sulle buone pratiche in materia di sicurezza, ne hanno consentito.

 

In particolare il Capitano Giuliacci ha argomentato  lo studio sulla possibilità di ampliamento della convenzione in essere del Servizio, nell’ottica delle funzioni associate minori – progetto Aree Interne e del quadro legislativo nazionale e regionale, in particolare alla luce della Circ. Min. Minniti del 2017, al fine di garantire una maggiore effettività dello stesso. Inoltre si è recepito l’indirizzo sub le azioni messe in campo per assicurare la videosorveglianza nel Comune di Parrano, ovvero la funzione di supporto alle attività delle forze dell’ordine deputate, che non può in alcun modo sostituire la presenza sul territorio con funzione deterrente degli stessi.

 

Il Mar. Giustiniani, per i Carabinieri di Fabro, invece, ci ha rappresentato come apprezzano fortemente questo tipo di collaborazione istituzionale e ci ha illustrato lo stato di fatto e di diritto dell’organizzazione del Servizio di loro competenza. Qui interviene il Consigliere Trippella, che, avendo approfondito (come da accordo alla chiusura della prima riunione della Commissione) secondo le sue competenze, la possibilità di richiedere al Comando della Polizia Stradale competente delle pattuglie supplementari su Parrano, ha reso in riunione che questo non può essere effettuato, stante la scarsità dei fenomeni di reato tali da dover giustificare un simile apporto. Giustiniani conferma e concorda quanto enucleato da Trippella. Inoltre il Maresciallo ha commentato molto positivamente la volontà dell’Amministrazione di procedere, o in convenzione o singolarmente, a garantire comunque un servizio di videosorveglianza, poiché per le operazioni di loro competenza è un supporto molto valido;

 

-il Cons. Giulietti resoconta di aver studiato la possibilità per i cittadini, in forma di volontariato, del controllo del territorio, ma sottolinea l’importanza di muoversi sempre sotto l’egida degli organi competenti, in particolare Prefettura e Carabinieri. Conferma quanto detto da Trippella sul fatto di tentare di diffondere le buone pratiche di segnalazione e concorda sulla proposizione, all’interno di un’assemblea congiunta, promossa dalla Commissione al termine dei suoi lavori, di un opuscolo/ un video/ simili, oltre alle spiegazioni degli organi di Polizia locale e dei Carabinieri.

 

 

PROPOSTE AL CONSIGLIO COMUNALE PER AUMENTARE LA SICUREZZA

 

Sulla base delle risultanze ottenute tramite l’analisi dei documenti in possesso, dei procedimenti in corso, delle possibilità di sinergie tra tutti gli operatori del settore sicurezza che svolgono il loro compito istituzionale sul territorio del Comune di Parrano, la Commissione chiude i suoi lavori con alcune proposte al Consiglio Comunale al fine di aumentare la sicurezza dello Stesso territorio:

 

  1. Attivazione videosorveglianza con riconoscimento targa diurno e notturno,come già richiesto ex Delibera di Giunta Comunale n. del… , in forma singola o associata. A tal proposito, sulla eventuale gestione in forma associata, si propone la convocazione almeno entro il 01.03.2018 di una nuova riunione dei Comuni interessati dal progetto Territorio Sicuro (Fabro capofila, Monteleone d’Orvieto, Montegabbione, Ficulle, Parrano e San Venanzo) al fine di decidere con un ragionevole margine di certezza se proseguire in funzione associata o singolarmente;

 

  1. Promuovere una riunione esplorativa sulla volontà di ampliare l’attuale Convenzione sulla Polizia locale (attualmente tra Monteleone d’Orvieto, Parrano e Montegabbione) almeno all’Alto Orvietano, o comunque ai Comuni limitrofi non facenti parte della stessa, in modo tale da ottemperare alle nuove norme in merito ed in particolare alla recentissima Direttiva ministeriale – Circolare Minniti del luglio 2017;

 

 

  1. Promuovere un’Assemblea Pubblica con le forze dell’ordine che operano sul territorio del Comune di Parrano, di concerto con l’Amministrazione comunale ed in particolare con i membri della Commissione Sicurezza che si sono occupati della materia specifica all’incirca intorno metà aprile 2018, affinché le buone pratiche in materia di sicurezza e di normale senso civico possano quantomeno, con un’adeguata campagna di informazione, essere messe a disposizione della popolazione interessata. Inoltre, si propone la possibilità di discutere, sempre in Assemblea pubblica, sull’opportunità di forme di volontariato per una programmazione di sicurezza partecipata, regolamentato dagli organi competenti (Prefettura et similia).

 

=======================================================================================

 Commissione consiliare speciale sulle tematiche socio-sanitarie. 

Testo del Documento approvato all’Unanimità

Premesso

 che il Consiglio Comunale di Parrano ha istituito una Commissione Consigliare Speciale, sui temi sociali e sanitari che interessano la nostra Amministrazione ,composta dal Sindaco o suo delegato da un consigliere di maggioranza e uno di minoranza aventi per oggetto :

  • Analisi inerente la proposta di convenzione Afas per la gestione della Farmacia Comunale;
  • Analisi Casa della Salute di Fabro
  • Defibrillatore a Parrano                                          
  • preso atto  che si sono tenute tre riunioni della Commissione  Speciale presiedute dalla vice sindaco Patrizia Patrizi che si sono concluse  con le seguenti determinazioni :
  • Per il punto 1) la Commissione determina con parere favorevole(assente il consigliere di maggioranza) di procedere alla proposta gestione da parte di Afas della Farmacia qualora la nostra richiesta di convenzione abbia riscontro favorevole da parte della stessa Azienda Municipalizzata.
  • Per il punto 2) I lavori vengono rimandati in attesa che pervenga documentazione (richiesta) inerente lo stato attuale della casa della salute di Fabro per quanto riguarda i futuri servizi. (Tale documentazione è pervenuta successivamente dalla dott.ssa Teresa Urbani, Direttrice del Distretto e hanno confermato  un ottimo livello delle prestazioni della struttura di Fabro Scalo).
  • Per il punto 3) vista la necessità di reperire fondi che servono per l’acquisto e l’istallazione del defibrillatore, la commissione opta per una raccolta fondi da effettuarsi con pubblica richiesta a tutti i residenti e non del comune di Parrano e/o eventuali aziende del territorio.                           
  • Tenuto conto  che                                                                                                                                                                              e’ pervenuta dal Comune di Montegabbione la proposta di discutere un ordine del giorno in merito alla soppressione del Pronto Soccorso di Città della Pieve si è valutato                                                                                positivamente l’azione politica intrapresa dal Comune di Montegabbione che ha messo in luce la progressiva riduzione dei presidi sanitari a livello territoriale e l’esigenza di garantire tempi idonei di intervento rispetto alle attività di pronto soccorso per le popolazioni che risiedono lontano dai grandi centri urbani e servite da una     viabilità precaria,  preso      altresì                                                                              che i Comuni dell’ Area Interna Umbria Sud Ovest Orvietano, d’intesa con la Regione dell’Umbria e i Ministeri competenti hanno predisposto un progetto che prevede ben tre Case della Salute su un comprensorio di poco piu di 50.000 abitanti e che la Casa della Salute di Città della Pieve ha un profilo rafforzato che la configura come un servizio di Primo Soccorso                                              
  • visto tutto questo                                                                                                                                                     
  •  il Consiglio Comunale di Parrano                                                                                                                  
  • approva

gli indirizzi formulati dalla Commissione Speciale e da mandato al Sindaco di portarle avanti nelle sedi necessarie  in ordine alla richiesta pervenuta dal Sindaco del Comune di Montegabbione il Consiglio Comunale di Parrano                                                 

ribadisce –

  • la valutazione positiva per l’iniziativa politica presa dal Comune di Montegabbione che ha avuto il merito di sollevare il tema della progressiva riduzione dei servizi, anche sanitaria livello territoriale; – il pieno appoggio alla strategia del Progetto dell’Area Interna Umbria Sud Ovest Orvietano              
  • da mandato al Sindaco per operare una ricomposizione del conflitto che si è prodotto tra le varie Istituzioni Locali e Regionali facendo con l’obbiettivo di far prevalere l’interesse generale e il miglioramento dei serviti territoriali anche sul versante sanitario 

 

 

 

IL 3 e 4 maggio Festa della Terra a Parrano

Anche quest’anno a Parrano si festeggia la TERRA il 3 e 4 maggio. Si parte con la tradizionale benedizione delle crocette , guarnite di giglio, olivo e candela benedetta, presso la Chiesina comunale.

I cittadini le prenderanno per metterle nei campi per l’auspicio di buoni raccolti.

Il 4 maggio ci sarà un incontro presso l’Abbazia di San Nicolò alla Badia di Ficulle.

Li inizio nel 1118 l’avventura dei Bulgarelli come Feudatari di Parrano.

Sono stati invitati gli studenti delle scuole secondarie dell’Alto Orvietano che troveranno Silvio Manglaviti, geograf0, che gli spiegherà la storia di quel sito cosi importante per il Paese.

Infatti in quella Abbazia visse e lavorò il Monaco Graziano, autore del primo diritto canonico.

 

LOTTA AGLI INCENDI , ordinanza del Comune di Parrano

Comune di Parrano

“Servizio di Polizia Municipale dei Comuni in Convenzione di Monteleone di Orvieto, Montegabbione e Parrano”

  1. Reg.Ordinanze                          del

Il Sindaco

    

-Ritenuto di dovere promuovere una campagna di sensibilizzazione per la lotta agli incendi;

     -Considerato di dovere disporre, a tutela della pubblica e privata incolumità, sicurezza urbana, del patrimonio ambientale, per prevenire fenomeni di illegalità diffusa ovvero comportamenti d’inerzia dei proprietari di terreni e conduttori di fondi, l’adozione di misure precauzionali atte ad impedire il verificarsi di incendi nel territorio Comunale;

     -Letto l’art.59 del T.U.L.P.S;

     -Vista la legge Regionale n.28/01, art 20-21-24, T.U. foreste;

     -Visto il T.U.E.L, D.Lgs 267/2000 e il D.Lgs 165/2001;

 

ORDINA

         

  -Al fine di impedire che dai terreni attigui le aree boschive e le linee ferroviarie si propaghino incendi, tutti i proprietari ed affittuari di terreni adiacenti alle aree suddette, dovranno durante la stagione estiva tenere sgombri i loro terreni fino a venti metri dai confini di cui sopra, da depositi di paglia, erbe secche o da ogni altro materiale facilmente combustibile;

     -I proprietari ed affittuari di terreni coltivati a cereali hanno l’obbligo di circoscrivere l’intero fondo,appena mietuto, con una striscia di terreno solcato dall’aratro e completamente scevro di stoppia, larga non meno di 4 metri da mantenere costantemente pulita;

     -Eguale obbligo spetta ai proprietari ed affittuari di terreni incolti e/o tenuti a pascolo;

     -E’ altresì obbligo di ripulire tutte le aree incolte ricadenti all’interno dei centri abitati o nelle immediate vicinanze, onde evitare pericoli per la pubblica incolumità ed il propagarsi di incendi ai centri abitati stessi;

     -E’ fatto obbligo di non bruciare le stoppie e quanto altro possa provocare incendi nel periodo di massima pericolosità dichiarata dalla Regione dell’Umbria;

     -I proprietari ed i possessori a qualsiasi titolo di terreni saranno ritenuti responsabili dei danni che si verificheranno per negligenza , imperizia ed inosservanza della presente ordinanza, salvo sempre l’applicazione di altre comminatorie previste per legge;

     -I Trasgressori, ove la legge non preveda sanzioni penali, saranno sanzionati ai sensi dell’art 7 bis del D.Lgs 267/2000, l’ordinanza sarà inviatya per conoscenza e quanto di competenza al Comanda stazione Carabinieri Forestali di  San Venanzo.

     -Contro la presente si potrà ricorre, entro 60 giorni dalla pubblicazione all’albo on line , al TAR dell’Umbria, per eccesso di potere, incompetenza e violazione di legge e/o con ricorso straordinario, entro 120 giorni dalla pubblicazione , al Presidente della Repubblica, per motivi di legittimità.

. Gli agenti di PS e PG sono incaricati del rispetto della presente

                                                                                        

 

                                                                                              Il Sindaco

                                               Valentino Filippetti

Divieto di transito sulla Strada Vicinale di Manziano per automezzi superiori a 35 q

COMUNE DI PARRANO

“Servizio Polizia Municipale dei Comuni, di Monteleone di Orvieto, Montegabbione  e Parrano”

 

Il Comandante

 

     -Sentita la comunicazione verbale del Sindaco Sig. Valentino Filippetti sulla situazione della strada vicinale di  Manziano, facente parte del consorzio sulle strade vicinali di Manziano;

     -Letta la Delibera Consiliare n.65 del 2013, avente ad oggetto Proposta di Costituzione del “Consorzio per la Manutenzione delle Strade Vicinali del Bagno, di Casa Balda e di Manziano”;

     -Letta la delibera consiliare n.47 del 2013, avente ad oggetto Costituzione Consorzio per la manutenzione delle strade vicinali del Bagno, di Casa Balda e di Manziano;

     -Letta la delibera consiliare n.9 del 2014, avente ad oggetto consorzio strade vicinali del Bagno, di casa Balda e di Manziano-valutazioni osservazioni e approvazione definitiva;

     -Letta la delibera consiliare n.33 del 2016, avente ad oggetto la ridefinizione consorzio obbligatorio strada di Manziano;

     -Letto lo statuto comunale  del consorzio per la manutenzione delle strade vicinali di Manziano-Parrano (Terni), dal quale si evince che il comune di Parrano partecipa alle spese consortili, tecniche amministrative e di manutenzione per una quota parte del 20%;

     -Letto nello specifico l’articolo 12 di detto statuto relativamente agli obblighi dei soci consorziati sull’utilizzo della strada;

     -Accertato che la strada vicinale di Manziano si snoda quasi totalmente all’interno di zone boschive, ove  operano imprese dedite al taglio ed allo sfruttamento del legname;

     -Considerato che il legname ottenuto viene trasportato su camion che, data la loro imponenza e pesantezza, possono danneggiare la carreggiata della strada vicinale, costringendo il Comune ed i Soci del consorzio ad intervenire con opere manutentive per assicurare la viabilità;

     -Al fine di evitare danni alla carreggiata, alle opere strutturali della strada vicinale ed  esborsi economici oltre che al Consorzio anche all’Ente pubblico;

     -Visto l’articolo 2 comma 6 lettera d) del D.Lgs 285/92;

     -Attesa la propria competenza all’adozione del presente atto, in forza dell’art 106 del D.Lgs 267/2000 (TUEL);

     -Richiamate le disposizione del Capo II° del Titolo II° del D.Lgs 165/2001;

     -Visto il Decreto Sindacale n.06 del 09/02/2018;

     -Visto l’articolo 6 comma 4 lettera b) del  D.Lgs 285/92;

     -Per i motivi sopra esposti;

 

Ordina

 

     –Il divieto di transito ai veicoli con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate, sulla strada vicinale di Manziano. Le Ditte boschive e non operanti nel territorio che per la loro attività usufruiscono di detta strada, dovranno, per ottenere l’autorizzazione al transito con camion, presentare idonea polizza fideiussoria assicurativa e/o bancaria a  garanzia dei lavori manutentivi che si rendessero necessari al ripristino della carreggiata danneggiata. Sulla strada vicinale di Manziano dovrà essere installata idonea segnaletica verticale permanente, con il divieto di transito ai mezzi con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate (figura II 60/b art.117) ed un limite di velocità a 30 km orari (figura II 50 art.116).

 

     -La presente sarà pubblicata all’albo pretorio on-line, sarà inviata alla Caserma Carabinieri di Fabro, alla stazione Carabinieri forestali di S.Venanzo, al Responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Parrano per conoscenza e quanto di competenza, avverso l’Ordinanza si potrà ricorrere al TAR dell’Umbria, per motivi di eccesso di potere, violazione di legge o incompetenza, entro 60 gg dalla pubblicazione e/o con ricorso straordinario  al Presidente della Repubblica, per motivi di legittimità, entro 120 giorni dalla pubblicazione all’albo pretorio on-line.

 

Dalla residenza Municipale

                                                                                         Il Comandante

                                                                             Cap. Dott.Francesco Giuliacci

PARRANO, il 7 maggio il Consiglio Comunale per il RENDICONTO di GESTIONE per L’ESERCIZIO 2017

Il Consiglio Comunale di Parrano è convocato il sessione ordinaria il 7 maggio 2018 alle ore 18.00 per discute e deliberare sul RENDICONTO di GESTIONE per L’ESERCIZIO 2017 e sulla CONVENZIONE QUADRO per le FUNZIONI ASSOCIATE da REALIZZARE con gli altri COMUNI

Il 22 Aprile parte PARRANO FEUDO 900 con un Concerto alla Chiesa di San Giovenale ad Orvieto

PARRANO FEUDO 900 sono una seria serie di iniziative per festeggiare i 900 anni dalla costituzione del Feudo di Parrano con il Conte Bulgarello. Successivamente i Conti di Parrano confluirono nei Conti di Marsciano.

In questo modo furono riuniti  i rami “di Parrano”, “di Montegiove” e “di Migliano”, predicati originati da quelli che furono i più importanti feudi familiari.

Primo appuntamento domenica 22 aprile alla Chiesa di San Giovenale con “Viaggio nella Lauda Umbra” con il coro Vox Et Jubilum della Cattedrale di Orvieto, diretto dal Maestro Stefano Benini.

Il Comune di Parrano ringrazia i Comuni di Marsciano,  Orvieto e  Ficulle che hanno aderito a queste manifestazioni, il parroco di San Giovenale don Enrico che ospita il concerto e lo splendido coro della Cattedrale di Orvieto.

PARRANO (I) CITTASLOW : “PARRANO FEUDO 900” 
Parrano celebrate the 900th anniversary of the establishment of the Feud with Count Bulgarello. He united the branches of “Parrano”, “di Montegiove” and “di Migliano”, originated from those that were the most important family feuds. First appointment Sunday, April 22 at the Church of San Giovenale in the beautiful Medieval Quarter of Orvieto town, with “Journey in Lauda Umbra”, choir Vox Et Jubilum of the Cathedral of Orvieto, directed by Maestro Stefano Benini