PARRANO, il 7 maggio il Consiglio Comunale per il RENDICONTO di GESTIONE per L’ESERCIZIO 2017

Il Consiglio Comunale di Parrano è convocato il sessione ordinaria il 7 maggio 2018 alle ore 18.00 per discute e deliberare sul RENDICONTO di GESTIONE per L’ESERCIZIO 2017 e sulla CONVENZIONE QUADRO per le FUNZIONI ASSOCIATE da REALIZZARE con gli altri COMUNI

Il 22 Aprile parte PARRANO FEUDO 900 con un Concerto alla Chiesa di San Giovenale ad Orvieto

PARRANO FEUDO 900 sono una seria serie di iniziative per festeggiare i 900 anni dalla costituzione del Feudo di Parrano con il Conte Bulgarello. Successivamente i Conti di Parrano confluirono nei Conti di Marsciano.

In questo modo furono riuniti  i rami “di Parrano”, “di Montegiove” e “di Migliano”, predicati originati da quelli che furono i più importanti feudi familiari.

Primo appuntamento domenica 22 aprile alla Chiesa di San Giovenale con “Viaggio nella Lauda Umbra” con il coro Vox Et Jubilum della Cattedrale di Orvieto, diretto dal Maestro Stefano Benini.

Il Comune di Parrano ringrazia i Comuni di Marsciano,  Orvieto e  Ficulle che hanno aderito a queste manifestazioni, il parroco di San Giovenale don Enrico che ospita il concerto e lo splendido coro della Cattedrale di Orvieto.

PARRANO (I) CITTASLOW : “PARRANO FEUDO 900” 
Parrano celebrate the 900th anniversary of the establishment of the Feud with Count Bulgarello. He united the branches of “Parrano”, “di Montegiove” and “di Migliano”, originated from those that were the most important family feuds. First appointment Sunday, April 22 at the Church of San Giovenale in the beautiful Medieval Quarter of Orvieto town, with “Journey in Lauda Umbra”, choir Vox Et Jubilum of the Cathedral of Orvieto, directed by Maestro Stefano Benini

PARRANO : riaperta la strada comunale Frattaguida-San Marino

Questa l’ordinanza  del Comune di Parrano che revoca la chiusura della strada comunale Frattaguida/San Marino dopo i lavori di ripristino all’altezza del torrente Migliari, realizzati grazie al Comune di San Venanzo

Parrano

“Servizio Polizia Municipale dei Comuni, di Monteleone di Orvieto, Montegabbione  e Parrano”

________________________________________________________________________________

  1. 05/2018 reg.ordinanze                                                   protocollo n.1343  del 07 aprile 2018

 

 

Il COMANDANTE

 

     -Considerato che in data 09 marzo 2018 è stata chiusa, con ordinanza dirigenziale n.04/2018, al traffico veicolare e pedonale la strada comunale di S.Marino all’altezza del fosso Migliari, in quanto le avverse condizioni metereologiche avevano eroso la carreggiata nella congiunzione tra il ponte e la strada e per ulteriori ml 30 circa, nel versante che si interseca con la strada Provinciale 104 di Frattaguida;

     -Accertato che  sono stati ultimati i lavori di ripristino della carreggiata, come da comunicazione verbale del Responsabile Ufficio Tecnico e  documentazione fotografica acquisita in data 06/04/2018 relativamente alla strada comunale di S.Marino;

     -Al fine di riaprire al traffico veicolare e pedonale la strada comunale;

     -Attesa la propria competenza all’adozione del presente atto, in forza dell’art 106 del D.Lgs 267/2000 (TUEL);

     -Richiamate le disposizione del Capo II° del Titolo II° del D.Lgs 165/2001;

     -Visto il Decreto Sindacale n.6 del 19/02/2017;

     -Per i motivi sopra esposti;

 

ORDINA

 

     -La riapertura al traffico veicolare e pedonale della strada comunale di S.Marino. Dovrà essere rimossa la segnaletica verticale temporanea e quanto altro utilizzato per la chiusura della strada comunale. La presente ordinanza sarà pubblicata all’albo on line del Comune di Parrano, sarà inviata per  conoscenza e quanto di competenza alla Stazione Carabinieri di Fabro e al Comune di S.Venanzo. Avverso la presente si potrà ricorrere al TAR dell’Umbria, per motivi di eccesso di potere, incompetenza e violazione di legge, entro 60 giorni dalla pubblicazione e/o, con ricorso straordinario, per motivi di legittimità, entro 120 giorni dalla pubblicazione  al Presidente della Repubblica.

 

Dalla Residenza Municipale

 

                                                                                               Il Comandante

                                                                                       Cap.Dott.Francesco Giuliacci

 

PARRANO : AVVISO D’ASTA PUBBLICA PER L’ALIENAZIONE DI RELIQUATI STRADALI DI PROPRIETÀ DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, UBICATI IN LOC. SPERETO DEL COMUNE DI PARRANO

Comune di Parrano
Provincia di Terni
Servizio Urbanistica
Via XX settembre, n. 1 – tel. 0763 838751 – Fax 0763 838520- www.comune.parrano.tr.it
PEC: comune.parrano@postacert.umbria.it
AVVISO D’ASTA PUBBLICA
PER L’ALIENAZIONE DI RELIQUATI STRADALI DI PROPRIETÀ
DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, UBICATI IN LOC. SPERETO DEL COMUNE DI
PARRANO
Prot. Gen n. 1082 del 16 marzo 2018
Art. 1 “Oggetto”
Oggetto del presente avviso è l’alienazione di reliquati stradali siti in Parrano, Loc. Spereto.
Per una descrizione più analitica delle caratteristiche intrinseche ed estrinseche del bene si rinvia alla
Relazione Tecnica di Stima redatta dal Responsabile del Servizio Urbanistica che si allega al presente
avviso sub “A”.
Art. 2 “Descrizione catastale e consistenza del terreno”
I reliquati stradali che si intendono alienare sono censiti al N.C.T. del Comune di Parrano al:
– F. 34 Part.lla 261 – consistenza mq. 70 – destinazione di P.R.G. zona UB sotto zona UB7;
– F. 34 Part.lla 262 – consistenza mq. 212 – destinazione di P.R.G. zona UB sotto zona UB7;
– F. 34 Part.lla 263 – consistenza mq. 244 – destinazione di P.R.G. zona UB sotto zona UB7.
Art. 3 “Importo a base di gara”
Il prezzo a base d’asta è stabilito in € 9.834,00 (diconsi € novemilaottocentotrentraquattro/00).
Per un importo a mq. pari a € 18,70.
Art. 4 “Criterio di aggiudicazione”
La gara si svolgerà con il sistema delle offerte segrete, che non possono essere inferiori al prezzo a
base d’asta, ai sensi dell’articolo 73, lettera c), del Regio Decreto 23 maggio 1924, n. 827.
L’aggiudicazione è ad unico incanto ed avviene a favore del concorrente che avrà presentato l’offerta
più vantaggiosa in aumento rispetto al prezzo a base d’asta indicato al precedente punto 3.
Si procederà all’aggiudicazione anche in caso di un’unica offerta valida, ai sensi dell’articolo 69 del
Regio Decreto 23 maggio 1924, n. 827.
Qualora due o più partecipanti abbiano presentato offerte equivalenti e parimenti accettabili, si
procederà, nella stessa seduta, secondo quanto stabilito dall’art. 77 del citato Regio Decreto 23 maggio
1924, n. 827.
Art. 5 “Condizioni che regolano l’alienazione”
1. I reliquati stradali oggetto del presente bando saranno venduti nelle condizioni di fatto e di diritto in
cui si trovano, con tutte le servitù attive e passive, tanto apparenti quanto non apparenti, canoni,
censi ed oneri, anche se non indicati nella descrizione e con tutti i pesi che vi fossero inerenti. I
reliquati sono individuati nell’ampiezza e consistenza conformemente allo stato di fatto e di diritto
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
2
goduto, senza responsabilità da parte di questo Ente per le differenze che sussistono tra le su
indicate superfici e qualità catastali e quelle effettive.
2. La vendita sarà fatta, a corpo e non a misura, allo stesso titolo e nello stato e forma in cui i beni
appartengono al comune di Parrano, nella consistenza indicata nelle planimetrie allegate alla
relazione di stima ed, inoltre, a norma dell’articolo 1488, se (Con “a corpo”, si intende per ogni singolo reliquato stradale. La partecipazione cioè può avvenire per tutte e tre i reliquati, in questo caso il prezzo posto a base d’asta, è pari ad € 9834,00 (diconsi € novemilaottocentrotrentraquattro/00), ovvero nel caso in cui si partecipi per uno o due reliquati, il prezzo a base d’asta si ottiene moltiplicando la superficie per € 18,70, di cui al successivo art. 9 “Deposito cauzionale)

3
b) per procura speciale, rilasciata per atto pubblico o scrittura privata autenticata; in tal caso le
dichiarazioni da unire all’istanza dovranno essere effettuate in capo al delegante.
c) cumulative da parte di due o più soggetti, i quali dovranno conferire procura speciale per atto
pubblico o scrittura privata autenticata ad uno di essi, ovvero sottoscrivere tutti insieme
l’offerta economica e l’istanza, e ciascuno, le dichiarazioni di cui al successivo punto 8); in tal
caso i partecipanti saranno considerati obbligati solidali nei confronti del Comune.
d) per persona da nominare secondo le modalità di cui all’art. 81 del R.D. 827/1924; in tal caso
l’offerente dovrà indicare nell’istanza e nelle dichiarazioni rese a proprio nome, che partecipa
anche per persona da nominare.
Art. 8 “Requisiti e documentazione per la partecipazione all’asta”
L’istanza di partecipazione alla gara deve essere conforme allo schema allegato, quale parte integrante
e sostanziale, al presente bando.
Ai fini dell’ammissione alla gara, la stessa istanza dovrà essere corredata dalla seguente
documentazione:
Per i soggetti coniugati:
a) Dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 2000, n. 445, resa dal concorrente relativamente al regime patrimoniale dei beni.
Per tutti i concorrenti:
a) Dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica
28 dicembre 2000, n. 445, con la quale il concorrente in proprio, il titolare o legale rappresentante
della ditta concorrente, attesta di aver preso piena conoscenza delle condizioni e caratteristiche, in
fatto e in diritto, del bene da alienarsi e di accettarle tutte integralmente ed incondizionatamente.
b) Assegno circolare relativo al deposito cauzionale di cui al punto 9) del presente bando.
c) Eventuale procura speciale, rilasciata per atto pubblico o scrittura privata autenticata, qualora il
concorrente partecipi alla gara quale mandatario, nei casi previsti alle lettere a) e b) del precedente
punto 7).
Per le persone fisiche:
a) Dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica
28 dicembre 2000, n. 445, dal concorrente, in proprio o per conto del delegante se persona fisica, di
non essere interdetto, inabilitato e di non avere in corso procedure per la dichiarazione di uno di tali
stati.
Per le Ditte o Imprese partecipanti:
a) Dichiarazione, resa dal titolare o legale rappresentante della Ditta, ai sensi dell’articolo 46 del
decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, sostitutiva del certificato di
iscrizione nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e
Agricoltura, dalla quale risulti che la Ditta è regolarmente costituita; se trattasi di Società, quali
sono i suoi Organi di Amministrazione e le persone che li compongono, nonché i poteri loro
conferiti (in particolare, per le società in nome collettivo dovranno risultare tutti i soci, per le
società in accomandita semplice i soci accomandatari, per le altre società tutti gli amministratori
con poteri di rappresentanza); che la Ditta non si trova in stato di fallimento, liquidazione,
amministrazione controllata, concordato preventivo o qualsiasi altra situazione equivalente secondo
la legislazione italiana e straniera, se trattasi di concorrente di altro Stato;
b) Dichiarazione sostitutiva del certificato della Cancelleria presso il Tribunale, resa ai sensi
dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, dalla quale
risulti che, relativamente alla Ditta concorrente, non è in corso alcuna delle procedure indicate alla
precedente lettera f);
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
4
Per le Cooperative:
a) Dichiarazione resa dal legale rappresentante, ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente
della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, relativa all’iscrizione nel Registro Prefettizio.
Per i Consorzi di Cooperative:
a) Dichiarazione resa dal legale rappresentante, ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente
della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, relativa all’iscrizione nello schedario Generale della
Cooperazione. Le dichiarazioni sostitutive di cui al presente punto possono essere contenute in
un’unica dichiarazione sottoscritta dai soggetti indicati nelle medesime lettere, con firme
autenticate o, in alternativa, senza autenticazione delle firme, ove la stessa dichiarazione sia
presentata unitamente a copia fotostatica, non autenticata, di un documento di identità dei
sottoscrittori, in corso di validità.
Art. 9 “Deposito cauzionale”
L’istanza di partecipazione alla gara deve essere corredata da un deposito cauzionale pari al 5% del
prezzo posto a base d’asta, pari ad € 9.834,00 (diconsi € novemilaottocentotrentraquattro/00),
ovvero per un importo a mq. pari a € 18,70 per il valore della superficie per la quale si intende
partecipare.
Tale deposito, da prestarsi mediante assegno circolare non trasferibile intestato al Comune di Parrano,
copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell’aggiudicatario. L’importo della suddetta
cauzione verrà detratto dal prezzo complessivo di vendita.
Tale assegno verrà restituito, senza corresponsione di interessi:
– ai non aggiudicatari entro 30 (trenta) giorni dall’aggiudicazione;
– all’offerente per persona da nominare al momento del deposito di assegno a garanzia di pari importo
da parte della persona nominata.
Art. 10 “Elaborati di gara”
Il presente avviso d’asta, unitamente alla perizia di stima, viene affisso all’Albo Pretorio.
Gli interessati potranno visitare i reliquati; detta ricognizione, che dovrà avvenire alla presenza di un
incaricato dell’Ufficio Tecnico – Servizio Urbanistica e dovrà essere prenotata telefonicamente con
detto Ufficio (tel. 0763/838751) dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 13:00 entro e non oltre
cinque giorni dal termine di presentazione delle offerte. Il sopralluogo potrà essere effettuato nei soli
giorni stabiliti dall’amministrazione comunale.
Art. 11 “Avvertenze”
– L’Amministrazione si riserva, in caso di aggiudicazione, di verificare i requisiti dichiarati, mediante
l’acquisizione d’ufficio dei certificati attestanti il possesso di stati, fatti e qualità dei soggetti
dichiaranti. L’aggiudicatario non in possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione all’asta o
che abbia dichiarato il falso, decade dall’aggiudicazione provvisoria che, fino a tale momento, deve
intendersi sottoposta a condizione risolutiva espressa.
– Nei casi di aggiudicazione di offerta cumulativa, l’alienazione avverrà in comunione indivisa a
favore degli aggiudicatari, eventualmente anche in quote differenti.
– Ove l’aggiudicazione avvenga a chi ha fatto l’offerta per persona da nominare, l’offerente, entro tre
giorni dal ricevimento della comunicazione formale di aggiudicazione provvisoria, dovrà presentare
dichiarazione di nomina della persona per la quale ha agito, sottoscritta per accettazione da
quest’ultima. Entro i tre giorni successivi al deposito della dichiarazione la persona nominata dovrà
far pervenire all’Amministrazione le certificazioni di cui al precedente punto 8) nonché deposito a
garanzia per l’importo indicato al punto 9). Qualora l’offerente non presenti la dichiarazione nei
termini predetti, ovvero la persona nominata non accetti o non abbia i requisiti richiesti per l’asta,
l’offerente sarà considerato vero ed unico aggiudicatario.
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
5
– Il verbale d’asta non tiene luogo né ha valore di contratto. Il miglior offerente è vincolato sin dal
momento della presentazione dell’offerta e per un periodo di 180 giorni. Gli effetti traslativi si
produrranno al momento della stipula dell’atto di compravendita.
– Gli offerenti non potranno avanzare pretesa alcuna nei confronti dell’Ente per mancato guadagno o
per costi sostenuti per la partecipazione alla gara.
Per qualunque controversia dovesse sorgere tra l’Amministrazione e l’aggiudicatario sarà competente il
foro di Terni.
Art. 11 “Contratto di compravendita e pagamenti”
Entro trenta giorni dal ricevimento della lettera raccomandata A.R. o della PEC con cui
l’Amministrazione comunale comunicherà l’aggiudicazione definitiva, l’aggiudicatario dovrà firmare il
relativo contratto di compravendita innanzi a Notaio di sua scelta ed a proprie spese.
Il versamento del prezzo di vendita, opportunamente decurtato dell’importo della relativa cauzione, di
cui al precedente art. 9, dovrà avvenire da parte dell’aggiudicatario all’atto della stipulazione dell’atto
pubblico di compravendita dinanzi al Notaio prescelto.
In caso di mancata stipulazione per colpa dell’aggiudicatario nel termine di cui sopra e salvo diversi
accordi con l’Amministrazione, questo sarà dichiarato decaduto e diverrà aggiudicatario l’offerente
che, tra gli altri, avrà presentato l’offerta più alta. In tal caso il Comune introiterà la caparra versata
dall’aggiudicatario dichiarato decaduto dal medesimo presentata ai fini della partecipazione alla gara a
garanzia della serietà dell’offerta.
Art. 11 “Responsabile del procedimento”
Arch. Rocco Olivadese, Responsabile del Servizio Urbanistica (telefono: 0763/ – fax 0763/ ).
Orario: pomeriggio di mercoledì e venerdì dalle ore 16:00 alle ore 17:30).
Oltre alle modalità d’asta ed alle condizioni descritte nei precedenti punti del presente avviso,
l’alienazione immobiliare in argomento sarà regolata da tutte le altre norme e condizioni contenute nel
regio decreto 23 maggio 1924, n. 827 e dalle norme del Codice civile.
Parrano, 16 marzo 2018
Il Responsabile del Servizio Urbanistica
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
6
ALL. “A”
Avvertenza: Apporre sulla presente istanza una marca da bollo da 16,00 €.
Spett.le Comune di Parrano
Via XX settembre, n. 1
05010 Parrano (TR)
Oggetto: istanza di ammissione all’asta pubblica per l’alienazione di reliquati stradali di
proprietà dell’amministrazione comunale, ubicati in Loc. Spereto del comune di
Parrano.
– Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………….. nato/a a
……………………………………………
il ……………………………..……..…. residente nel Comune di …………………………………………….. Provincia
Stato……………………….…….…Via/Piazza………………………………………………………………………………………
…………..
Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………….. nato/a a ……………….…………… il
……………………………..……..…. residente nel Comune di ……………………………………………. Provincia
………………..
Stato……………………….…….…Via/Piazza………………………………………………………………………………………
.…………
– legale rappresentante della Ditta
……………………………………………………………………….……………………………..…
con sede nel Comune di …………………………………….. Provincia …………………..…… Stato
…………………………………………..Via/Piazza…………………………………………… con codice fiscale numero
……………………………………………………………………..………
e con partita I.V.A. numero……………………………………..telefono ……………………………………… fax
……………………………………………………
in conto proprio
in conto proprio e per persona da nominare
con espresso riferimento al/ai soggetto/i che rappresenta
con espresso riferimento alla Ditta che rappresenta
(1) barrare la casella che interessa
c h i e d e / c h i e d o n o
– di partecipare all’asta pubblica indicata in oggetto.
Allega/no alla presente istanza la dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per la partecipazione
all’asta pubblica, procura speciale (ove necessaria) e la cauzione.
Data ……………………………… Firma ……………………………..
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
7
ALL. “B”
Istruzioni per la compilazione:
1. La dichiarazione va compilata correttamente in ogni sua parte, barrando, se necessario, le parti che
non interessano.
2. Leggere attentamente le ulteriori istruzioni, riportate in grassetto nel testo o contenute negli spazi
“Avvertenza”.
3. La successiva dichiarazione deve essere resa dal soggetto singolo in proprio o in qualità di
mandatario o dal legale rappresentante del soggetto concorrente.
Spett.le Comune di Parrano
Via XX settembre, n. 1
05010 Parrano (TR)
Oggetto: ammissione all’asta pubblica per l’alienazione di reliquati stradali di proprietà
dell’amministrazione comunale, ubicati in Loc. Spereto del comune di Parrano.
Il/La sottoscritto/a
……………………………………….……………………………………………………………………………………….
codice fiscale numero …………………..……….. nato/a a
………………………………………………………………………….
il …………………………. residente nel Comune di
………………………………………………..…………………………………
Provincia …………….. Stato ………………………. Via/Piazza
………………………………………………………………..………….
in qualità di
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
…….…..
………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
…….…..
con sede nel Comune di ………………………………………………….. Provincia
…………………………………………………….
Stato ………………………………………. Via/Piazza
…………………………………………………………………………….………..
con codice fiscale numero ……………………………………… e con partita I.V.A. numero
………………………………….…..
telefono ………………………………. fax
……………………………………PEC………………………………………………………………..
in proprio o con espresso riferimento al soggetto/Ditta che rappresenta o in conto proprio e per persona
da nominare, ed a corredo dell’istanza per la partecipazione all’asta in oggetto, consapevole del fatto
che, in caso di mendace dichiarazione, verranno applicate nei suoi riguardi, ai sensi dell’articolo 76 del
decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, numero 445, le sanzioni previste dal codice
penale e dalle leggi speciali in materia di falsità negli atti, oltre alle conseguenze amministrative
previste per le procedure di asta pubblica,
d i c h i a r a
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
8
ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445:
1) in quanto coniugato: di essere nel seguente regime patrimoniale:
Separazione dei beni
Comunione dei beni
2) in quanto persona fisica: di non essere interdetto, inabilitato e di non avere in corso procedure per
la dichiarazione di uno di tali stati;
3) in quanto Ditta:
a) di essere iscritto nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed
Agricoltura di ……………………………………………… o in analogo albo dello Stato di appartenenza
attestando i seguenti dati:
numero d’iscrizione: ………………………………………………………………………
data d’iscrizione: ……………………………………………………………………………
durata della Ditta – data e termine: ……………………………………………………
codice di attività: ……………………………………………………………
forma giuridica della Ditta concorrente (barrare la casella che interessa):
ditta individuale
società in nome collettivo
società in accomandita semplice
società per azioni
società in accomandita per azioni
società a responsabilità limitata
società cooperativa a responsabilità limitata
società cooperativa a responsabilità illimitata
consorzio di cooperative
organi di amministrazione, persone che li compongono (indicare nominativi ed esatte
generalità), nonché poteri loro conferiti (in particolare, per le società in nome collettivo
dovranno risultare tutti i soci, per le società in accomandita semplice i soci accomandatari, per
le altre società tutti i componenti del Consiglio di amministrazione muniti di rappresentanza):
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………….
b) che il soggetto che partecipa non si trova in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione
controllata, concordato preventivo o qualsiasi altra situazione equivalente secondo la legislazione
italiana e straniera, e che non è in corso alcuna delle predette procedure;
4) in quanto Cooperativa o Consorzio di Cooperative, di essere regolarmente iscritto nel/nello
(barrare la casella che interessa ed indicare i dati di iscrizione) :
Registro prefettizio ……………………………………………………………………….. ;
Schedario generale della cooperazione ……………………………………………..;
5) di aver preso piena conoscenza delle condizioni e caratteristiche, in fatto e in diritto, del bene da
alienarsi, ivi inclusa la destinazione d’uso del medesimo come risultante dalla relazione di stima, e di
accettarle tutte integralmente ed incondizionatamente;
6) di essere informato che, ai sensi del Decreto Legislativo 30/6/2003, n. 196 che i dati sopra riportati e
comunicati sono richiesti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento relativo alla presente asta
e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.
Avvertenza:
COMUNE DI PARRANO
Protocollo Interno N. 1082/2018 del 16-03-2018
Copia Documento
9
Ai sensi del combinato disposto di cui agli articoli 21 e 38, comma 3, del decreto del Presidente della
Repubblica 28 Dicembre 2000, n. 445, alla presente dichiarazione deve essere allegata copia fotostatica
non autenticata del documento di identità del soggetto dichiarante (carta di identità, patente di guida,
passaporto, patente nautica, libretto di pensione, patentino di abilitazione alla conduzione di impianti
termici, porto d’armi, tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra
segnatura equivalente, rilasciate da un’Amministrazione dello Stato).
Data …………………………………………
FIRMA DEL DICHIARANTE
………………………………

L’ARCI sarà il soggetto che aiuterà il Comune di Parrano a progettare lo SPRAAR

COMUNE DI PARRANO

Provincia di Terni

Numero Registro Generale 46 del 12-03-2018

DETERMINAZIONE ORIGINALE

Numero 16 del 12-03-2018

Settore Affari Generali ed Istituzionali – Servizi alla Persona

OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER L’INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO DEL TERZO SETTORE PER LA COPROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI AZIONI DI SISTEMA PER L’ACCOGLIENZA, LA TUTELA E L’INTEGRAZIONE A FAVORE DI FAMIGLIE, NELL’AMBITO DEL PROGETTO TERRITORIALE, NEL QUADRO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI (SPRAAR). TRIENNIO 2018/2020. – APPROVAZIONE VERBALE ED INDIVIDUAZIONE SOGGETTO IDONEO

Richiamata:

  • la propria precedente Determinazione n. 30 del 19.02.2018, avente ad oggetto “Avviso pubblico per l’individuazione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di famiglie, nell’ambito del progetto territoriale, nel quadro del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAAR). Triennio 2018/2020. – approvazione ed indizione procedura selettiva”;
  • la propria Determinazione n. 33 del 21.02.2018 avente ad oggetto “Determina n. 30 del 19.02.2018 – Rettifica errore materiale ed adempimenti conseguenti”,;
  • la Determinazione n. 44 del 06.03.2018 “Nomina commissione procedura selettiva individuazione soggetto terzo settore SPRAAR – Determinazione n. 30 del 19.02.2018 – e differimento data seduta pubblica”;

Visto il Verbale della seduta pubblica della Commissione aggiudicatrice, redatto in data 12.03.2018 e debitamente sottoscritto in atti;

Ritenuto dover procedere, per quanto di competenza:

1. ad approvare il Verbale di che trattasi;

2. ad approvare conseguentemente la graduatoria di merito;

3. ad individuare il soggetto idoneo con il quale definire in co-progettazione il progetto di che trattasi da presentare al Ministero dell’Interno;

4. di comunicare a tutti i candidati l’esito della valutazione;

Visto il Regolamento comunale sull’ordinamento generale degli uffici e dei servizi; Visto il Regolamento comunale di contabilità;

Visto il vigente quadro normativo in materia di Enti Locali e CC.N.L. vigente per i dipendenti degli enti locali;

Accertata la competenza di emanare l’atto in oggetto, ai sensi del Decreto Sindacale n. 6/2018; Visto il D.Lgs.vo 18.8.2000 n. 267;

Visto il D. Lgs. 118/2011;

Vista la legge 136/2010 art. 3 e il D.L.n.187/2010 art.7, convertito in legge n.217/2010;

DETERMINA

Per quanto in premessa:

  • di approvare il Verbale della Commissione di Gara relativo all’individuazione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di famiglie, nell’ambito del progetto territoriale, nel quadro del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAAR). Triennio 2018/2020, depositato agli atti dell’ufficio e debitamente sottoscritto dai membri della Commissione;
  • di dare atto che la Graduatoria relativa alla selezione dei che trattasi è la seguente:

1. ARCI SOLIDARIETA’ ORA D’ARIA – via della Viola, 1 PERUGIA ……………..punti 80

  • di dare atto pertanto che il soggetto selezionato come idoneo con il quale definire in co-progettazione il progetto di che trattasi da presentare al Ministero dell’Interno, di cui all’Avviso di selezione indetta con la propria precedente Determinazione n. 30 del 19.02.2018, avente ad oggetto “Avviso pubblico per l’individuazione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di famiglie, nell’ambito del progetto territoriale, nel quadro del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAAR). Triennio 2018/2020. – approvazione ed indizione procedura selettiva” è:

ARCI SOLIDARIETA’ ORA D’ARIA – via della Viola, 1 06122 PERUGIA – C.F. 9404489542

  • di comunicare l’esito della valutazione ai soggetti partecipanti:

ARCI SOLIDARIETA’ ORA D’ARIA – via della Viola, 1 06122 PERUGIA – C.F. 9404489542

Parrano, 12-03-2018

IL RESPONSABILE

DOTT. VINCENZO RIOMMI

PARERE DI REGOLARITA’ TECNICA

Si esprime parere favorevole di regolarità tecnica attestante la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa ai sensi dell’art. 147 bis comma 1 D.Lgs 267/2000.

Parrano, 12-03-2018 IL RESPONSABILE

DOTT. VINCENZO RIOMMI

Documento originale sottoscritto con firma digitale ai sensi dell’ art.24 del D.Lgs. n. 82 del 07/03/2005

Il 18 marzo la MARCIA PER LE DONNE

 

Con il patrocinio dei Comuni di Parrano, Ficulle, Fabro, Monteleone d’Orvieto e Montegabbione “In Marcia per le Donne” evento per la solidarietà femminile contro la violenza di genere, 18 Marzo ore 9.00/11.00

La marcia parte da tutti i Comuni dell’Alto Orvietano e si riunisce in località Tane del Diavolo( Parrano) per ripartire uniti alla volta della Panchina Rossa nel giardino dell’ippocastano di Parrano.

Organizzata dalle Assessore al Sociale dei 5 Comuni, “In Marcia per le Donne” è al secondo anno con l’intento di dire “No alla violenza sulle Donne”.

Un invito a tutte le donne, ma anche agli uomini, a partecipare a questo evento: la violenza sulle donne è un atto contro l’umanità, è una sconfitta per tutti, è una violazione dei diritti umani.

Incontriamoci per dire basta alla violenza di genere.

Per informazioni:

Assessore Patrizia Patrizi Comune di Parrano 0763 838751

Assessore Francesca Barbini Comune di Ficulle 0763 86031

Assessore Alessia Baldini Comune di Fabro 0763 831020

Assessore Elisabetta Guidantoni Comune di Monteleone d’Orvieto 0763 834021

Assessore Isabella Marchino Comune di Montegabbione 0763 837521

PARRANO, il CdA convoca l’assemblea generale dei soci del Consorzio Strade Vicinali di Manziano per il 21 aprile

Il 10 marzo si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Strade Vicinali di Manziano. Il presidente Valentino Filippetti ha sottoposto ai membri del cda 

i seguenti argomenti :

 – Bilancio di Previsione 2018 
 – Stato dei progetti presentati sul PSR 
 – Programma dei Lavori di manutenzione 2018
 – Gestione finanziaria del consorzio
 – Recupero crediti e proposta del Comune di cambiare la società che si occupa della materia                                                                                                                                                    
Dopo un ampio dibattito è staqto convocata l’assemblea generale dei soci per il 21 aprile alle ore 10 presso il Centro Documentazione di Parrano
 

PARRANO, approvato il bilancio di previsione 2018

Oggi il Consiglio Comunale di Parrano ha approvato il Bilancio di Previsione 2018 

Ecco la relazione del Sindaco :

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2018 – 2019 – 2020, ANNUALITA’ 2018.

 

Carissimi/e,

ci accingiamo ad approvare il Bilancio di Previsione per l’anno 2018.

Ribadiamo che il Bilancio di Previsione è il documento centrale del ciclo di programmazione e controllo dell’Ente;

deve assolvere al contempo alle funzioni di indirizzo politico-amministrativo, economico-finanziario ed informativo, nonché esprimere con chiarezza e precisione gli obiettivi, il fabbisogno finanziario e la sostenibilità dello stesso.

Dal 2016 è entrato in vigore il nuovo bilancio armonizzato, per il quale non viene più applicato il patto di stabilità; viene introdotto un nuovo saldo di riferimento per il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica rappresentato dall’equilibrio tra entrate finali e spese finali la cui differenza deve essere maggiore o uguale a zero.

Il nostro primo anno e mezzo di lavoro è stato caratterizzato dall’affrontare, una ad una, le molte problematiche che interessano il nostro Comune, cercando in primis di migliorare l’efficienza degli uffici. Sicuramente l’avvio dell’informatizzazione delle procedure attizie e loro conservazione legale ha segnato il punto zero di un percorso che deve tendere verso questo obiettivo tanto auspicato, mai dimentichi dell’aiuto che gli altri Comuni coinvolti nel progetto delle Aree Interne ci hanno assicurato quanto a risorse umane e di mezzi.

Di assoluto pregio, infatti, la collaborazione con la Comunità Montana O.N.A.T. per l’informatica ed il supporto ragioneria, il Comune di Bastia Umbra per la messa a disposizione del Vicesegretaro Comunale; il Comune di San Venanzo e Montegabbione per la manutenzione delle strade sterrate, con il Comune di Orvieto per l’Urbanistica, soprattutto per l’edilizia privata; fondamentale, inoltre, la costituzione di una Convenzione con i Comuni di San Venanzo, Giove e Penna in Teverina per la Segreteria generale; la collaborazione, seppur breve con il Comune di Trevignano Romano, per la responsabilità del Settore Finanziario, sul parterre del mantenimento delle funzioni associate già realizzate rispetto alla Protezione Civile, al Catasto ed al Sociale, che hanno prodotto ottimi risultati nell’anno passato.

Lo scorso Consiglio Comunale del 09.02.2018, abbiamo deliberato, dopo ampio dibattito, un ordine del giorno per puntare più in alto: la realizzazione di una Unione dei Comuni, sulla base dell’Area Interna Sud Ovest Orvietano, che permetta di mantenere le singole municipalità (e quindi il rapporto diretto amministratore – cittadino, con tutti i benefici di un’amministrazione cd “di prossimità”), ma anche una razionalizzazione delle risorse umane e dei costi che, ad oggi, saturano e rendono difficile lo svolgimento delle attività minime nei Comuni di ogni ordine di grandezza, complice anche la soglia del blocco del turn-over, scoglio invalicabile, al momento, per un adeguamento del personale incardinato.

Per la previsione 2018, la spesa del personale resta invariata. Si avrà del risparmio con la cessazione della collaborazione col Comune di Trevignano Romano, un possibile pensionamento entro il 30.06.2018 e la ristrutturazione di alcuni Servizi, sempre nell’ottica delle funzioni associate sopra menzionate.

Inoltre, il nostro sguardo resta focalizzato verso l’ottenimento di una ragionevole durata dei procedimenti, massimizzando e migliorando la comunicazione amministrazione-cittadino attraverso l’adeguamento ed il miglioramento della trasparenza e dell’informazione dei nostri canali, in primis il sito internet dell’Ente.

La nostra azione amministrativa poi, è stata tesa a recuperare il gap operativo dovuto all’assenza di personale qualificato (ossia di un Responsabile) incardinato nell’ufficio ragioneria. Tanto resta ancora da analizzare approfonditamente, ma moltissimo è stato recuperato: un esempio su tutti, è stato completato l’invio dei vari questionari SOSE che bloccavano il recupero del Fondo di Solidarietà che ogni anno viene assegnato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze al nostro Comune.

Essenziale l’operazione di accertamento e recupero coattivo dei tributi locali, grazie anche all’operato della Commissione speciale ad hoc tenutasi lo scorso anno, che ha dato vari input operativi di cui diamo atto essere stati tutti accolti e di cui oggi possiamo apprezzare i primi risultati, soprattutto sul piano tariffario che prevede un sostanziale mantenimento delle tariffe 2017: restano infatti invariate le tariffe di IMU, TASI seguite dagli altri tributi locali minori, come la TOSAP. Eccezione è fatta per la TARI che sarà leggermente inferiore, visti gli ottimi risultati prodotti dalla raccolta differenziata ed apprezzabili sul sito del Gestore. Restano invariati i costi dei Servizi a domanda individuale che l’Ente rende ai Cittadini, come vedremo di seguito.

Grazie a questo avviamento di un processo di riordino dei conti dell’Ente, abbiamo iniziato, con molta prudenza, a prevedere alcuni investimenti, sbloccando parzialmente la spesa pubblica. Un esempio su tutti è l’accensione del mutuo per l’adeguamento e la riapertura del distributore di carburante. L’esito positivo delle prove di tenuta delle cisterne ci fa ben sperare che l’opera giunga al termine in circa un anno. Permangono inoltre mutui posti in capo all’Ente per adeguamento tecnico e fiscale dello stesso, tesi verso il risanamento completo.

 

IL BILANCIO PREVENTIVO 2018 – OBIETTIVI PRIORITARI.

Massimo contenimento possibile della pressione fiscale e politica di incentivo a chi affitta le case ad un canone inferiore od uguale ad € 250,00 (duecentocinquanta/00). Nel corso del 2018, qualora ne sussistano le condizioni, si prospetta l’ipotesi di istituire un fondo volontario a bilancio per incentivare questo tipo di locazione ad un certo canone, in quanto riteniamo questo possa essere un attrattore per aumentare, anche lievemente, la demografia di Parrano. Questa operazione rientra nel complesso della visione politica di Parrano come un “Borgo del III millennio” e, soprattutto, un borgo del buon vivere, grazie al suo ambiente incontaminato, godibile sotto infiniti punti di vista, ed agli adeguamenti tecnologici in atto, che permetteranno di usufruire del telelavoro in modo massiccio (banda ultralarga, coworking);

Interventi sullo stato sociale per tutelare le famiglie in difficoltà a causa della crisi economica (mantenimento tariffe servizi a domanda individuale con sconto famiglia numerosa);

Mantenimento della qualità dei servizi sociali, educativi, sanitari: in particolare si punterà tantissimo sul mantenere aperta la scuola elementare e materna, come una “fucina di conoscenza”, implementando le attività didattiche ed i laboratori, nonché tentando di istituire il tempo pieno, affinché la scuola torni ad essere più attrattiva in base ai servizi offerti;

non da ultimo la farmacia: la nostra farmacia è una delle poche farmacie comunali rimaste in Umbria, residuo di quel “municipalismo” ottocentesco che prevedeva attività di presidio, in questo caso sanitario, in aree a bassa densità di popolazione rispetto ad una grande estensione territoriale. È chiaro che tale attività deve essere ampliata e qualificata, diversificandola dalle altre. L’obiettivo 2018 sarà rendere effettiva questa mission, riducendo i costi e riorganizzando i servizi;

Iniziative tese alla promozione dello sviluppo nell’ottica della sostenibilità, di sostegno alle attività locali e per la promozione del terzo settore: la nostra chiave di volta è cercare di ottimizzare e mettere a sistema lo sfruttamento del grande patrimonio ambientale, culturale, sociale che ci contraddistingue, promuoverlo a tutti i livelli e far sì che l’attenzione su Parrano torni quella che merita. Investimenti privati, che accompagnino il pubblico nella sua opera di risanamento e che, soprattutto, creino posti di lavoro e flusso demografico.

Sostegno massimo alle attività locali, per il loro mantenimento, che consideriamo un elemento imprescindibile dell’azione amministrativa. Sono infatti coloro che non si fermano di fronte alla crisi ed allo spopolamento gli interlocutori primari di questo Ente, perché le loro esigenze debbono essere ascoltate per orientare al meglio possibile quel dialogo pubblico-privato che l’esperienza insegna porta al raggiungimento di obiettivi di ripresa altrimenti inimmaginabili.

 

Si dà inoltre atto che il Bilancio di previsione 2018 è stato composto secondo i dettami della legge di stabilità per l’anno corrente.

 

IL BILANCIO DI PREVISIONE 2018 SI ARTICOLA come da QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO 2018, 2019, 2020 (ALLEGATO A)

TARIFFE SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE
Sono state confermate le tariffe applicate per servizi a domanda individuale; in particolare le tariffe mensa scolastica e per lo scuolabus. Il Comune di Parrano copre una percentuale pari al 36% dei costi.

OPERE PUBBLICHE.

Le opere pubbliche rappresentano un asse strategico d’investimento per la promozione della ripresa economica e dello sviluppo. Si confermano in bilancio la serie di interventi volti soprattutto alla valorizzazione del territorio ed alla conservazione del patrimonio comunale(pubblica illuminazione, parco termale, vigilanza), nonché se ne prevedono altri inferiori ad € 100.000,00 (centomila/00).


Per alcune opere sono state reperite le risorse finanziarie necessarie, mentre per altre sono state specifiche richieste presso gli enti territoriali sovraordinati per un auspicato sostegno economico.

Piano Triennale – Opere Pubbliche 2018-2020 / Opere mutuate dal 2017 e da completarsi

A) OPERE DI IMPORTO SUPERIORE A EURO CENTOMILA (Non si tratta di nuove opere ma va confermato quanto già era iscritto a Bilancio con la sola modifica dell’annualità di riferimento):

Strada di Pievelunga, 250.000,00 € – anno 2018 0, prev. 2019;

Valorizzazione del Parco Termale di Parrano a valle delle “Tane del Diavolo” (PSR 2014-2020 Mis. 7.4.1), 200.000,00 € – anno 2018 0, prev. 2019.

B) opere inferiori ad euro centomila:

Ampliamento civico cimitero del Capoluogo – costruzione loculi € 40.000,00;

Efficientamento energetico– POR FESR 2014-2020 Asse IV Azione 4.2.1; € 90.000;

Riordino funzionale della viabilità circostante il distributore carburanti ed interventi di modifica alla composizione dell’impianto carburanti, 134.428,20 (ma l’importo dei lavori è di € 39.993,64)

PIANO DI INVESTIMENTO

Investimenti sull’organizzazione (adeguamento anagrafe secondo sistema SPID – identità digitale); Partecipazione a Bandi europei cofinanziati, in sinergia con altri Enti Pubblici e Privati (Bando Industria Creativa);

Incentivo alla mobilità alternativa non di linea, tramite il progetto della mobilità elettrica Aree Interne, che colmi il gap per gli spostamenti da e per Parrano.

Parrano BioDiversa:

L’Esperienza di questi due primi bilanci ci convince ad andare avanti sulla strada indicata all’inizio del nostro mandato amministrativo tesa a fare di Parrano una realtà dove la Biodiversita sia il tratto caratterizzante, da realizzare attraverso pratiche basate sulla Cooperazione, Condivisione, Collaborazione. I tanti apporti che sono venuti in questo senso da moltissimi cittadini, a partire dalle associazioni cittadine, dai nostri uffici e dalle amministrazioni del territorio ci spingono ad andare avanti e ad insistere su questa strada. Uno degli strumenti essenziali per portare avanti questa scelta è la presenza del Comune di Parrano nella Rete Città Slow;

Parco Monte Peglia MAB Unesco:

Il Comune di Parrano ha aderito convintamente a questa proposta e intende sostenerla con forza.

Il 2018 sarà un anno decisivo per le decisioni che prenderà l’UNESCO, ma, quale che sia l’esito, intendiamo portare avanti l’iniziativa di tutela e valorizzazione del patrimonio faunistico, naturalistico, ambientale e paesaggistico che è incarnato da questo progetto. Uno degli strumenti piu importanti per attivare progetti ed iniziative in questo senso è l’Ecomuseo dell’Alto Orvietano, di cui il nostro Comune è socio fondatore.

SOCIALE


Anche per l’anno 2018 l’Ente, in quanto Comune facente parte della zona sociale 12, si rifà alla programmazione del Comune capofila (Orvieto), che gestirà il piano di zona per i servizi sociali.
I principali servizi gestiti nell’ambito del piano di zona sono:

  • Servizio sociale professionale
  • Segretariato sociale
  • Osservatorio sociale distrettuale
  • Centro diurno
  • Assistenza domiciliare integrata
  • Assistenza educativo domiciliare
  • Inserimenti lavorativi
  • Servizio disabili gravi L. 162
  • Piano distrettuale per la tossicodipendenza
  • Progetti per favorire l’integrazione degli immigrati.


Obiettivo dell’amministrazione confermato è contribuire al mantenimento dei servizi esistenti e costituire un’Amministrazione aperta e solidale, tramite il proprio ufficio della cittadinanza, basato sull’equità sociale, sullo sviluppo dei servizi, sull’attenzione alle famiglie in difficoltà, sullo sviluppo locale socialmente sostenibile.

Confermato anche l’incentivo e l’obiettivo di sviluppo della Consulta dei Giovani, in particolare nel loro intento di far rete con le altre realtà locali simili, provinciali e regionali. Sono previsti anche interventi a sostegno degli anziani e all’associazionismo sociale (cooperative di comunità – sociali).

La centralità della Questione Demografica:

Il nostro paese si sta spopolando. E’ ripresa la tendenza negativa che si era in parte arrestata anche grazie all’arrivo di molti stranieri. La Comunità Rumena supera il 10% della popolazione e ha rappresentato e rappresenta un grande fattore di tenuta e di crescita del nostro Comune.

Per questo l’Amministrazione ha deciso di aderire anche al progetto SPRAAR, per l’accoglienza migranti, nella specie famiglie in seconda accoglienza. A parte la considerazione dell’accoglienza e dell’aiuto come valori imprescindibili di una comunità che si definisca tale, di fronte alle efferatezze commesse nelle aree più disagiate del pianeta, la ricchezza di incontro ed integrazione tra culture diverse crediamo sia il futuro per le nostre realtà.

Per questo è necessario un forte impegno: la linea è tracciata dal progetto Area Interna Umbria Sud Ovest Orvietano che porterà sul territorio 16 milioni di euro in interventi su scuola, trasporti, sanità e sociale. Ma ora ci vuole l’iniziativa privata, la nascita di nuove attività che diano posti di lavoro.

Parlare di lavoro a Parrano è senza dubbio parlare di Principato di Parrano: è ora di affrontare anche questo imprescindibile nodo: non può rimanere ibernato un patrimonio così rilevante. Il Comune prenderà iniziative straordinarie e chiederà l’impegno ed il sostegno di tutti.

Inoltre, per incentivare il servizio sanitario locale, stiamo assistendo ed incentivando la nascita della Casa della Salute di Fabro, come primo baluardo e presidio sanitario sul territorio. Anche qui ci è venuta in soccorso la programmazione delle Aree Interne, che ne ha permesso la realizzazione.


CULTURA.

Oltre alle varie feste e sagre che sono organizzate con successo dai cittadini, l’Amministrazione intende seguire un progetto di valorizzazione del patrimonio storico medioevale del Comune di Parrano, in particolare quest’anno ricorrendone il 900° anniversario dell’Istituzione del Feudo, in beneficium dalla Diocesi di Orvieto ai Bulgarelli.

Inoltre, sempre sotto l’egida del Medioevo, abbiamo già dal 2017 incentrato un progetto di restauro e rimessa in funzione dell’antico Forno Comunale di comunità, già normato nel suo funzionamento nello Statutum Castri Parrani del 1559, come simbolo di una continuità temporale negli antichi mestieri e tradizioni del Comune, che sono la nostra più grande ricchezza, e di cui dobbiamo andare alacremente alla scoperta per recuperare in attrattività e creare economia. Per questa operazione, si è adito ad alcune misure bandite dal Gal Trasimeno – Orvietano.


Sono anche previsti eventi di taglio strettamente formativo e culturale in senso proprio, in particolare improntati al contrasto alla violenza di genere ed in favore dell’incremento delle pari opportunità.

Da menzionare, le varie presentazioni organizzate per il libro della nostra giovane concittadina , appena sedicenne, Arianna Mechelli, il cui “Il tuo pericoloso sorriso”, ed. Garzanti, è il simbolo che la volontà supera le difficoltà, anche quelle di vivere in un piccolo Borgo come il Comune di Parrano. Con la cultura e le giuste tecnologie (e qui si ricorda ancora l’arrivo prossimo della Banda Ultralarga) si possono compiere opere che, prima di tutto ciò, si pensava fossero impossibili da attuare nel nostro territorio, soprattutto per i Giovani.

Infine, si ribadisce l’intento di rivitalizzare la biblioteca della Società operaia, di cui alcuni volontari hanno avviato la ristrutturazione, perché riteniamo che Scuola e Biblioteca siano il perno di un Comune che possa definirsi culturalmente attivo.

SVILUPPO SOSTENIBILE.

Continua il nostro sostegno alla filiera corta e i mercati locali, per enfatizzare la qualità e la particolarità delle nostre produzioni locali, mettendole a sistema e cercando di fornire così un punto di raccordo tra l’imprenditoria agricola (settore primario di produzione e lavoro a Parrano) e i consumatori, con una grande attenzione all’educazione alimentare ed alla biodiversità. In particolare, avendo affidato il Centro di trasformazione dei Prodotti Agricoli realizzato col Progetto Clanis al Consorzio di Aziende Gusto Umbria – Terre dell’Upupa, che sarà sicuramente partner di tanti progetti ed attività per l’anno che ci apprestiamo ad affrontare, perché il Consorzio non è solo vendita di un prodotto, ma è vendita di un territorio che ha permesso di compiere quel processo produttivo;

Sono stati presentati programmi di investimento sia per la definizione del Piano Sviluppo Locale del Gal che alla Società Patto 2000;

Attendiamo a giorni i risultati di RESPIRA PAARRANO dal DSA3 di Perugia, affinché si possa procedere alla fase 2: piani di sviluppo sostenibile fondati sulla salubrità dell’aria di Parrano, che ha avuto il suo avvio ufficiale col Convegno dello scorso ottobre, la Festa dell’Aria;

La Cooperativa di Comunità che abbiamo proposto come Amministrazione Comunale è nata ed ha effettuato ospitalità e ristorazione sul territorio del nostro Comune, come si accinge a fare per il 2018;

la firma dell’A.P.Q. Aree Interne ed il passaggio alla fase operativa, segna l’approssimarsi della concessione dei fondi per la copertura di una delle piscine del Parco Termale, che ci permetterà di realizzare così la tanto agognata destagionalizzazione dell’attività. La Regione ci ha formalizzato la concessione pluriennale delle acque, che intenderemmo in futuro gestire attraverso una società professionale mista che preveda la compartecipazione di privati.

SCUOLA


Mantenere e implementare la collaborazione fra Amministrazione e scuola. Concluse alcune esperienze progettuali, come l’Orto sinergico, ne sono in arrivo degli altri che valorizzeranno l’ottimo sistema della formazione di una piccola, ma grande scuola, come quella del Comune di Parrano, che viene definita appunto “Fucina di conoscenza”. Sono stati compiuti, e continua, una serie d’interventi di volontariato nelle opere di manutenzione dell’edificio scolastico, che hanno migliorato e miglioreranno notevolmente la struttura e l’attrattività della scuola.

TRASPARENZA E PERFORMANCE.

Si confermano le scelte già fatte proprie dall’Amministrazione sul tema della comunicazione e dell’informazione. Oltre alla comunicazione classica in formato cartaceo, la riattivazione di tutta la rete social del Comune, si continuerà nell’adeguamento del sito istituzionale. La buona comunicazione sarà ancor di più legata a obiettivi di trasparenza e partecipazione, e non solo: la “rivoluzione informatica” continua inesorabilmente per efficientare e snellire il più possibile i procedimenti. Inoltre, l’arrivo di un Segretario Comunale stabile ci ha finalmente permesso di avviare le pratiche per regolarizzare il sistema Anticorruzione del Comune, che, senza questa fondamentale figura, non poteva essere assolutamente attivato.

CONCLUSIONI


Questo Bilancio di Previsione offre una prospettiva sistematica in cui emergono ancora una volta le nostre volontà ed obiettivi precipui, in particolare l’azione di questa Amministrazione, per l’annualità 2018 sarà imperniata sui
tre assi del:

Mantenimento ed implementazione della Scuola e Farmacia;

Promozione e valorizzazione del Territorio per tentare di invertire la tendenza allo spopolamento;

Efficienza nei trasporti da e per Parrano;

Dal quadro generale della programmazione, emerge anche per il 2018 la nostra volontà di continuare a puntare sul valore delle nostre forze esistenti sul territorio, sul volontariato, la cultura, il turismo, la sostenibilità dell’azione rivolta verso l’economia; il rigore nel rispetto dei conti, che sa però mostrare una particolare attenzione alle esigenze delle fasce più deboli.

Si rinnovano i sentiti ringraziamenti a tutti coloro che hanno lavorato per arrivare alla stesura di questo importante strumento programmatorio, un continuum unicum con gli obiettivi 2017, riproposti ed ampliati per il 2018, focalizzando l’attenzione su tre principali cardini che riteniamo, al momento attuale, precipui e trainanti per la ormai avviata ripartenza del Comune di Parrano.

Vi ringrazio per l’attenzione.

Il Sindaco di Parrano,

Valentino Filippetti.