PARRANO : avviati i lavori preliminari per la riattivazione del distributore di carburante

 

Sono iniziati i lavori preliminari per la riattivazione del distributore di carburante di Parrano.

Si tratta di un intervento veramente straordinario. Infatti in italia solo due Comuni hanno distributori di proprietà . Quello di Parrano aveva sospeso il servizio alla fine del 2015 . Il gestore non aveva piu margine economici sufficienti per gestire l’impianto e lo riconsegnò al Comune.

La nuova amministrazione ha deciso di riattivarlo e ha dapprima incaricato dei professionisti del settore di predisporre un progetto preliminare e poi si è impegnata a reperire 125.000 euro per realizzare  gli interventi necessari. Un contributo importante verrà dal Progetto Aree Interne.

I lavori che hanno preso il via adesso riguardano la verifica dei serbatoi ed in particolare la loro tenuta.

Dai risultati dipenderà lo sviluppo del progetto anche in termini economici.

la Panchina Rossa prosegue… convegno: “La tutela del valore delle donne nel mondo del lavoro”

Sabato 25 Novembre 2017 ,dalle 10  alle 13, a Parrano la Panchina Rossa prosegue… ovvero celebriamo la giornata contro la violenza di genere con un convegno, presso il centro di documentazione territoriale, dal titolo “la tutela del valore delle donne nel mondo del lavoro”.

Per il secondo anno della Panchina Rossa di Parrano è stato scelto il tema del lavoro al femminile e grazie alle relatrici che interverranno al convegno, sarà una mattinata di grande interesse e riflessione su quello che significa, come donne, contribuire allo sviluppo della società.

Le nostre gradite Ospiti a Parrano per questa occasione sono: …leggi tutto

PARRANO: dal 14 al 20 novembre in Farmacia test per prevenire il diabete

Anche la Farmacia Comunale di Parrano aderisce alla campagna nazionale per la prevenzione del diabete promossa da federfarma.

Dal14 al 20 novembre la farmacia comunale effettuerà un controllo gratuito della glicemia.

Prevenire è meglio che curare. Questa campagna, che si affianca a quelle per la prevenzione dei tumori femminili e lo screening per prevenire i tumori dell’intestino, ha già dato ottimi risultati e ha sempre maggiore successo.

L’Amministrazione Comunale invita tutti i cittadini ad usufruire di questa opportunità e si impegna a sviluppare tutte le iniziative che accrescano  la consapevolezza e la cultura del benessere psico-fisico.

Un bellissimo incontro internazionale a Parrano con 20 ragazzi dalle due sponde del Mediterraneo

 
Il progetto “Erasmus Plus “C’è una crepa in ogni cosa è da lì che entra la luce: attimi   di resilienza” 
presentatodalla Casa Laboratorio Il Cerquosino sui  finanziamenti  Europei ha portato a Parrano 20 ragazzi di :
 
Palestina refugee camp  Deheisheh   Betlemme West Bank, 
Libano Refugee Camp Beirut 
Albania 
Macedonia 
Montenegro 
Turchia 
Bulgaria 
Italia 
Germania
Un bellissimo incontro .
 

 

A PARRANO IL 23 OTTOBRE : “C’È UNA CREPA IN OGNI COSA È DA LÌ CHE ENTRA LA LUCE: ATTIMI DI RESILIENZA”

Il Comune di Parrano ha appoggiato il progetto europeo 

“C’è una crepa in ogni cosa è da lì che entra la luce: attimi   di resilienza” 
presentato sulla linea di finanziamenti  Europei “Erasmus Plus”
 che è stato approvato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e si svolgerà ad Orvieto c/o la Casa Laboratorio Il Cerquosino Morrano Orvieto dal 19 al 26 ottobre 2017
Il 23 Ottobre saranno ospiti a Parrano
 
i paesi coinvolti nel progetto sono; 
Palestina refugee camp  Deheisheh   Betlemme West Bank, 
Libano Refugee Camp Beirut 
Albania 
Macedonia 
Montenegro 
Turchia 
Bulgaria 
Italia 
Germania
 

 

 

“C’È UNA CREPA IN OGNI COSA È DA LÌ CHE ENTRA LA LUCE: ATTIMI DI RESILIENZA”

There is a crack in everything that’s where the light comes in: moments of resilience”

Key action 1: learning mobility for individuals – Mobility of youth workers

Dates: 19th – 26th October 2017

Casa Laboratorio il Cerquosino, località San Faustino 22 Morrano 05018, Orvieto (TR), Italy

LIBANO BULGARIA MONTENEGRO GERMANIA TURCHIA PALESTINA MACEDONIA ALBANIA

Il progetto “C’è una crepa in ogni cosa è da lì che entra la luce: attimi di resilienza” è una formazione per operatori del sociale coinvolti nelle relazioni di aiuto, che operano in Palestina nel campo profughi Deheisheh a Betlemme West Bank, in Libano nel campo di Shatila, con paesi partner attraversati dagli attuali fenomeni migratori che si occupano di migranti e profughi; Albania Macedonia Montenegro infine con gli operatori che lavorano in paesi europei riceventi flussi di migranti e profughi; Turchia Bulgaria Italia e Germania , si svolgerà a Ottobre 2017. A seguire come follow up della formazione, due scambi internazionali con gli stessi partner. I partecipanti alla formazione, tornati nei loro paesi, prepareranno gruppi di giovani per gli scambi che avverranno a febbraio 2018 e marzo 2018.La tempistica è studiata per formare i gruppi e mettere immediatamente in campo gli strumenti acquisiti e le metodologie dell’educazione non formale in relazione al concetto di resilienza.

L’obiettivo è fornire ai giovani operatori, che si trovano ad accogliere e operare con chi ha lasciato i propri paesi ,nuovi strumenti per affrontare efficacemente la relazione di aiuto.

Metodologia: combinazione tra educazione non formale, teatro, workshop sul riconoscimento delle risorse personali, storytelling.

Temi fondanti del processo di Resilienza; la ri-significazione, ri-narrazione, l’acquisizione di risorse interne, acquisizione di competenze che contribuiscono ad accrescere stima di sé, la curiosità, il senso critico, la creatività, capacità di adattamento, mitigazione e evoluzione .

Competenze attese; una migliore comprensione delle dinamiche che stanno dietro i comportamenti discriminanti, come identificare l’ escalation di violenza, sviluppare l’ascolto e un atteggiamento aperto alla diversità, condividere le diverse metodologie di lavoro adottate in ciascun paese per facilitare l’equilibrio tra generazione migrante e non- migrante, dare valore se stessi, affrontare la realtà, conoscere i propri limiti(per superarli)assaporare il senso di responsabilità, confrontarsi con gli altri ,comprendere la fertilità dell’errore, apprendere dall’esperienza, non aver paura di cambiare, non aver paura di tentare

Il giorno lunedì 23 ottobre 2017 il progetto sarà ospite del comune di Parrano, esempio concreto del nostro territorio di come una comunità di cittadini autoctoni e non, si può incontrare esplorando idee e progetti condivisi per creare una comunità educante.

Il paese di Parrano è un esempio di cooperativa di comunità, abbiamo pensato che è fondamentale, visto il target dei partecipanti alla formazione, visitare questo piccolo borgo e comprendere, anche in questo caso facendo, cosa e come una piccola comunità mette in campo per vivere con uno stile cooperativo.

Con le cittadine e i cittadini accenderemo il forno comune del paese e inforneremo pane e pizze.

Tutto il paese ci porterà a toccare, vedere sentire e assaporare gli antichi sapori che caratterizzano le tradizioni di questi luoghi.

Il progetto dal canto suo porterà nel paese di Parrano ventidue giovani operatori del sociale che arrivano da ogni parte d’Europa e del mediterraneo, offriremo le nostre storie, le nostre aspettative, e tipicità dei paesi ospiti.

Riteniamo che questo incontro sia un input per tutte e due le comunità, incontrarsi per divenire una grande comunità educante.

Questo è il senso del nostro lavoro; far nascere comunità educanti attraverso incontri e condivisioni semplici ma autentiche.

Barbara Colombo

Presidente Associazione Artemide a.p.s.

COMUNICATO ASSEMBLEA dei SINDACI dell’ORVIETANO sulla SANITA’

In occasione della assemblea dei sindaci del comprensorio orvietano, svoltasi in data odierna, la USLUMBRIA2 ha illustrato tra l’altro le azioni messe in essere per il mantenimento e il sostegno alle attività sanitarie del comprensorio, in relazione alla relazione alla Deliberazione del Consiglio Comunale di Orvieto del 14/07/2017: 

Tempi di attesa. I tempi rilevati al 25/09/2017 sono in linea con quanto previsto dal piano nazionale, regionale e aziendale per i cosiddetti RAO,anche le prestazioni non RAO di primo accesso sono nei tempi previsti,  i tempi di attesa dei controlli, come da procedura regionale, dipendono dalla decisione dello specialista che suggerisce il periodo di effettuazione dell’ esame, qualora gli stessi non coincidano con quelli indicati, il CUP effettua la presa in carico della prestazione provvedendo ad organizzarla nei tempi previsti. Laddove il medico di famiglia non individui il tempo di effettuazione non rispettando la procedura regionale il CUP non può effettuare la presa incarico dando il primo appuntamento possibile.  Si noti che la presa in carico per il territorio di Orvieto equivale al 5,3% della domanda, il che vuole dire che circa il 95% della domanda è soddisfatta da normale procedura CUP.

Funzionamento CUP E’ in fase di elaborazione con la Regione un progetto per facilitare le prenotazioni a livello aziendale, all’interno del CUP regionale evitando così le lunghe percorrenze all’utenza. Le difficoltà del CUP erano legate prevalentemente alla implementazione della ricetta dematerializzata e alla frammentazione dei sistemi informatici ora risolta, permangono alcuni problemi relativamente alla revisione ed ampliamento delle prestazioni sottoposte a  RAO ,nonchè alla applicazione del nuovo nomenclatore unico regionale sul quale stanno lavorando i professionisti di tutta la regione.

La possibilità per i medici di medicina generale di prenotare direttamente sul CUP è prevista nell’ambito della realizzazione delle AFT, che prevede l’estensione dei sistemi informatici attualmente vigenti.

Nonostante il periodo di difficoltà vissuto con il personale, i volumi delle prestazioni erogate, dopo la flessione avuta nel 2015 e poi nel 2016, sono in aumento nel 2017 (2016 – 644.977 vs 2017  – 714.156) anche in quanto era dovuto ad una temporanea carenza di professionisti che l’azienda sta colmando.

I percorsi di screening sono stati completamente aggiornati su base aziendale e territoriale anche con la convenzione con AO Terni e sviluppando con i Medici di Medicina Generale obiettivi per migliorare l’adesione alla chiamata in modo da ridurre il peso clinico delle stesse prestazioni. Pertanto non è vero che i MMG e gli Specialisti possano dare informazioni difformi essendo adeguatamente formati sui percorsi, facendo anche parte dei loro obiettivi.

Per quanto attiene la presa in carico della popolazione anziana molto si sta facendo nell’attivazione dei PDTA alcuni dei quali già ben strutturati (esempio diabetici e dialitici) altri si completeranno con i programmi di sanità di iniziativa delle AFT perché l’obiettivo è quello della presa in carico dei pazienti lasciando il primo accesso solo per i pazienti che hanno necessità di un primo contatto con il sistema. Per i posti letti per post-acuti, intanto, prima della strutturazione di una RSA, sono stati raddoppiati i posti letti di lungodegenza da 6 a 12 e aumentati di 2 quelli di riabilitazione da 14 a 16.

Casa della Salute: con DDG n. 947 del 11.8.2017Realizzazione Casa della Salute di Orvieto: Incarico professionale per la redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica della Casa della salute di Orvieto e per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo dell’Archivio presso la struttura medesima – Determina a contrarre” è in affidamento l’incarico per lo studio di fattibilità al progettista.

La mission dell’Ospedale non è in discussione lo prevede la DGR 212/2016 e il piano aziendale (DDG 1009/2016) di attuazione del decreto ministeriale 70 sulla rete ospedaliera e la DGR 212.  Il ruolo attribuito a tale ospedale è quello di ospedale dell’emergenza DEA di I livello (uno dei 5 insieme a Foligno, Spoleto, Città di Castello, e Branca).

 

Personale sanitario. La dotazione medica con tutta la programmazione effettuata  nel corso degli ultimi due anni  e (solo in parte) da realizzare è aumentata di 15 unità di I livello  (1 PS, 1 Radiologia, 2 Cardiologia, 1 Anestesia, 1 Gastro, 2 Pediatria, 1 ORL, 1 Neurologia, 1 Ortopedia, 1 Nefrologia, 1 Geriatria, 1 SIT, 1 DMO) e di 5 unità di II livello (1 PS, 1 Radiologia, 1 Cardiologia, 1 Ostetricia, 1 Oculistica). Le Strutture Complesse previste in dotazione aziendale in linea con la programmazione della DGR 212/2016 con le prossime procedure per PS, Ostetricia (già avviate) e Oculistica  (da avviare)   saranno tutte assicurate.

La dotazione del Comparto Sanitario ha portato ad un aumento, dal 2013 ad oggi, di 22  unità fra i vari profili.

Investimenti Per quanto attiene le attrezzature sanitarie nel periodo 2013-2016 sono stati investiti 843.000 euro per tecnologie sanitarie più 100.000  euro per arredi, nella programmazione 2017-2018 sono previsti investimenti complessivi per 4,4 milioni ( di cui   3,5 milioni attrezzature , 186.000 arredi , 716.000 euro di adeguamenti strutturali); buona parte degli acquisti è già in procedura.

Dati di attività : gli accessi di Pronto Soccorso sono in aumento (2016-24.837 vs 2017 –25.490 ) ma positivamente si riduce il tasso di ospedalizzazione (2016-14,22 vs 2017 –13,27 ) in linea con le indicazioni di programmazione e aumenta in modo correlato il numero delle prestazioni (2016-81.391 vs 2017 – 98.262 ); la casistica ospedaliera resta  stabile negli anni , mentre  la casistica chirurgica dopo la flessione del 2015 si riproietta in aumento (2016 – 1.774  vs 2017  – 1.880); buono l’indice di attrazione extraregione nonostante la riorganizzazione delle attività nelle Regioni limitrofe (2016 – 34,94  vs 2017  – 36,45); aumenta la complessità della casistica trattata (indice di case mix 2016 – 0,97 vs 2017  – 1,03) l’unico dato in flessione è il numero di parti (2016 – 469  vs 2017  – 376) che comunque riflette la flessione degli altri Punti Nascita regionali.

La riorganizzazione dell’ospedale segue le indicazioni della DGR 212 e della DDG 1009/2016  per aree assistenziali. Il programma è già stato avviato con la riorganizzazione dell’area materno-infantile con messa a regime dell H 24 neonatologico, dell’area della patologia clinica con imminente completamento del servizio trasfusionale, delle aree ambulatoriali con ripristino delle agende precedenti e incremento attuale delle stesse, nonché di gran parte dell’area medica.

Entro il Dicembre  2017 è programmata la definitiva messa a regime della Stroke Unit  e dell’intera area medica entro il gennaio febbraio 2018 è programmata l’attivazione della messa a regime dell’UTIC; seguiranno, non appena terminata l’acquisizione in corso del personale necessario, l’attivazione del Day Surgery,  nonché l’aumento dei posti letto  della Terapia Intensiva / Rianimazione per completare l’area chirurgica  e l’area emergenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

Gemellaggio Scuola di Parrano- Ist. Pr. Le ancelle del S.Cuore di Gesù di Roma

Il Gemellaggio tra la Scuola di Parrano e l’Ist. Pr. Le ancelle del S.Cuore di Gesù di Roma è andato molto bene. Tutto il Paese si è messo a disposizione e l’incontro è stato molto bello.

 

Ore 9.30 Briefing e posizionamento addetti

Protezione civile, Polizia Municipale e Misericordia Fabro (Moretti); (previsto l’uso dei bagni in Comune).

Ore 10.00 Arrivo previsto degli Ospiti

Pullman manovra e parcheggio in retro lungo passeggiata de Sanctis

Macchine private accompagnatori ai parcheggi

(Dirigono il traffico polizia municipale, protezione civile, misericordia di Fabro)

A mezzi fermi, discesa dei bambini in sicurezza;

Discorso Sindaco/Suor Raffaella in Piazza della Repubblica

Accoglienza dei bambini della Scuola di Parrano (canti o poesia o benvenuto generico);

Ore 11.00 Colazione al sacco dei bambini nel centro storico

(a cura delle Suore)

Divisione in tre gruppi per visita al centro storico e alle botteghe allestite, Centro di trasformazione dei prodotti agricoli Clanis

La Pro loco, il Consorzio dei Produttori e i volontari allestiscono e presidiano i locali durante le visite per la presentazione dei prodotti del territorio.

Ore 12.30 Spostamento bambini in pullman presso il Parco Pubblico di Parrano

(presidio polizia municipale, protezione civile, misericordia di Fabro)

Prima si fanno partire gli autobus, poi si autorizza la partenza dei genitori dai vari parcheggi.

Ore 13.00 Pranzo presso il Parco Pubblico di Parrano

Ore 15.30 /16.00 Partenza

(presidio polizia municipale, protezione civile, misericordia di Fabro)

Prima si fanno partire gli autobus, poi si autorizza la partenza dei genitori dai vari parcheggi.